il foglio 
Mappa | 24 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

  menu
 ::  editoriali
 ::  bibbia
 ::  chiesa
 ::  documenti
 ::  etica
 ::  filosofia
 ::  lettere
 ::  mondo
 ::  pace-nonviolenza
 ::  poesia
 ::  politica
 ::  recensioni
 ::  scienza
 ::  società
 ::  storia
 ::  teologia
 ::  zibaldone
 :: home
 :: indici analitici
 :: solo online

 Ricerca
  

 in libreria

Enrico Peyretti

Il diritto di non uccidere

IL MARGINE


Conversazioni di

Giuseppe Barbaglio e

Aldo Bodrato

QUALE STORIA A  PARTIRE DA GESU'?

ESODO Sevitium


Aldo Bodrato

L'avventura della Parola

Affatà Editrice


Enrico Peyretti

Dialoghi con Nortberto Bobbio 

Claudiana


Enrico Peyretti

Il bene della pace. La via della nonviolenza

Cittadella


Enrico Peyretti

Elogio della gratitudine

Cittadella


  filosofia
 328 - OLTRE L’INDIVIDUALISMO

Libertà mia, libertà tua, libertà loro

 

Il vecchio luogo comune recita: «La mia libertà finisce dove comincia la tua». Sembra un bel principio. In realtà proclama tutta l’insufficienza umana del liberalismo, libertà dei forti, e peggio che mai del liberismo, libertà dei divoratori.

Significa, quel detto, che le nostre libertà sono separate: non si sostengono l’una l’altra. Peggio, sono alternative: perché cominci la tua deve finire la mia. E quindi viceversa: perché io possa cominciare ad essere libero, tu devi finire di esserlo. Essere libero vuol dire non avere l’altro tra i piedi. È la libertà dall’altro. All’inizio dà l’ebbrezza dell’emancipazione. Poi arriva l’essiccazione interna, come la pianta strappata al terreno.

L’unica pace possibile, in quell’idea di libertà, è la separazione. Il modello è la sovranità territoriale degli stati: totale qui fino al confine, nulla da quel punto in là, dove regna assoluta la tua sovranità. Differente e separato lo spazio, differenti ed estranei i criteri (come ha bene detto Pascal sulla giustizia di qua e di là dal fiume). E se c’è conflitto decide la forza libera. Ciò che si perde è la comune umanità.

Tra l’una e l’altra libertà, la mia e la tua, c’è un fossato o un muro: non si può valicare per aggredire, ma neppure si può darsi la mano. Sono libertà slogate, non solidali. Solidali non vuol dire rigide come un arto ingessato, ma unite, flessibili, coordinate, come sono le ossa articolate del nostro corpo. Due libertà slogate, fratturate, danno luogo a una minacciosa prova di forza. Infatti, se la tua libertà non comincia mai – perché non sei capace, non sei fortunato, non sei intraprendente, non sei forte – la mia libertà continua, non finisce mai, non incontra mai la tua. Oppure la incontra lontana lontana, piccola piccola, difficile da vedere, trascurabile. Una libertà sconfinata calpesta e offende, senza rendersene conto, perché non vede le altre libertà impedite. Unico rimedio alla legge della libera forza, un Terzo più forte di noi che ci tiene a bada con la minaccia della sua forza.

In verità, dovremmo correggere quel detto: la mia libertà finisce dove dovrebbe cominciare la tua. Ma meglio ancora: la mia libertà c’è “se” c’è la tua; io non sono libero “se non” lo sei anche tu; la mia libertà è vera e degna “se” sostiene la tua, e viceversa. In un'intervista dell'aprile 1945, Gandhi disse: «Soltanto quando l'ultimo può dire “ho ottenuto la libertà”, solo allora io ho ottenuto la mia» (citato da Giuliano Pontara in Uscire dalla barbarie, di prossima pubblicazione).

Ognuno, infatti, realizza la propria umanità nella misura in cui riconosce e sostiene l’umanità altrui. Negando, o non vedendo quella, nega e non vede la propria. Perciò, è la giustizia – il rendere giustizia – la misura e la regola della libertà, e non viceversa. Lo dichiara la civilissima “supernorma” dell’art. 3 della nostra Costituzione. Soprattutto, lo dice la “regola d’oro” dell’etica universale, nella quale sappiamo tutti da sempre – anche se lo vogliamo ignorare per oblio e negazione – che l’altro ha il mio stesso valore essenziale; ciò che faccio a lui lo faccio a me; nessuno è senza l’altro, nessuno è libero dall’altro.

Questa è l’ignoranza della modernità individualista, la cecità della sua corsa sfrenata: l’acerba adolescenza – pur necessaria e valida – della «età dei diritti» (Bobbio) che ancora ignora la maturità dei «doveri verso l’essere umano» (Simone Weil). Il migliore pensiero del Novecento, le filosofie etiche dell’alterità, lo hanno finalmente visto. La politica, e soprattutto l’economia, insieme al costume dominante – cioè le abitudini “gregarie”, delle masse che si lasciano ridurre a gregge conforme – lo ignorano ancora. Intanto, le libertà slogate e scollegate dall’altro umano diventano sempre più pericolose, per tutta la barca oscillante dell’umanità. 

Enrico Peyretti

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 il foglio
 ::  presentazione
 ::  redazione
 ::  abbonamento
 ::  contatti
 ::  link
 :: archivio storico [parziale]

 avviso agli abbonati

Ci risulta che alcuni abbonati non ricevono a tempo debito, o non del tutto, la copia del nostro periodico. Ce ne scusiamo precisando che tale situazione non dipende da un nostro difetto bensì dal disservizio delle Poste.


 web partner

gli anni di carta

 Il Corriere di Tunisi

Aldo Bodrato

Enrico Peyretti

Delfino M. Rosso

 


 Numeri recenti
 :: 441 - A PROPOSITO DI UN LIBRO DI RICHARD RORTY 
 :: 426 - La mostra a Torino 
 :: 417 - Realtà e verità / 6 
 :: 413 - A 250 anni dalla pubblicazione di Dei delitti e delle pene  
 :: 401 - Quaestiones disputatae / 4 
 :: 395 - UN PERCORSO ATTRAVERSO IL CARTEGGIO BOBBIO-CAPITINI 
 :: 387 - Quaestiones disputatae / 3 
 :: 386 - Qaestiones disputatae / 2 
 :: 385 - Quaestiones disputatae / 1 
 :: 356 - DOSSIER - FATTI E IDEE A PARTIRE DA RORTY 
 :: 341 - PENSIERI SPARSI SUL MALE E SULLA LIBERTÀ 
 :: 332 - IDENTITÀ, IDEA AMBIGUA/2 
 :: 332 - IDENTITÀ, IDEA AMBIGUA/1 
 :: 331 - NUOVO PENSIERO: ROSENZWEIG 
 :: 328 - OLTRE L’INDIVIDUALISMO 

copyright © 2005 il foglio - ideazione e realizzazione delfino maria rosso - powered by fullxml