il foglio 
Mappa | 56 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

  menu
 ::  editoriali
 ::  bibbia
 ::  chiesa
 ::  documenti
 ::  etica
 ::  filosofia
 ::  lettere
 ::  mondo
 ::  pace-nonviolenza
 ::  poesia
 ::  politica
 ::  recensioni
 ::  scienza
 ::  società
 ::  storia
 ::  teologia
 ::  zibaldone
 :: home
 :: indici analitici
 :: solo online

 Ricerca
  

 in libreria

Enrico Peyretti

Il diritto di non uccidere

IL MARGINE


Conversazioni di

Giuseppe Barbaglio e

Aldo Bodrato

QUALE STORIA A  PARTIRE DA GESU'?

ESODO Sevitium


Aldo Bodrato

L'avventura della Parola

Affatà Editrice


Enrico Peyretti

Dialoghi con Nortberto Bobbio 

Claudiana


Enrico Peyretti

Il bene della pace. La via della nonviolenza

Cittadella


Enrico Peyretti

Elogio della gratitudine

Cittadella


  chiesa
 397 - La lettera del vescovo Nosiglia ai Rom e ai Sinti

 

Gesù nasce sul Lungo Stura

 

Non c'è alcun vantaggio sociale per un vescovo a prendere posizione in solidarietà con i più poveri tra i poveri.

Non guadagna alleanze convenienti per lui o la sua chiesa se chiede un impegno maggiore alle istituzioni, alle comunità cristiane cattoliche, evangeliche e ortodosse, ai torinesi tutti. Ha fatto quel che è giusto ed evangelico l'arcivescovo Nosiglia nell'andare più volte a visitare Rom e Sinti nei loro campi «fuori dalle mura». Ora ha mandato a loro, e alla cittadinanza tutta, un messaggio giusto e impegnativo: «Non stranieri ma concittadini e familiari di Dio»: Lettera pastorale ai Rom e ai Sinti (cfr. www.diocesi.torino.it). Nosiglia dà qui un segno ben diverso da quelle alleanze e manovre indegne del vangelo che abbiamo spesso criticato nella gerarchia. È un appello a quella equità sociale che la politica deve realizzare come sistema, di là dalle azioni personali; è l'esigenza di bilancio umano paritario, senza il quale non c'è bilancio economico rispettabile. Ricordiamo che Torino ha avuto la vergogna di un pogrom feroce, solo per caso senza vittime, alla Continassa, un anno fa, il 10 dicembre 2011.

Nosiglia in questa lettera esorta Rom e Sinti, sia cristiani che musulmani, alla fiducia religiosa e umana. Conosce i loro bisogni, li esorta a inserirsi con dignità, legalità e onore. Promette loro l'abbraccio della chiesa. Sa che la crisi è più pesante per i più poveri. Vede che la nostra convivenza, spesso disumana, deve garantire diritti e dignità. Ci sono segni di speranza, di vita insieme nella pace. L'equità è partire dagli ultimi. La loro sofferenza è la nostra vergogna. Rom e Sinti sono una minoranza di cittadini europei. Alle istituzioni il vescovo chiede coraggio e lungimiranza, chiede voce, opera, scelte. La solidarietà dei torinesi sopperirà alla scarsità di mezzi. Non si devono generalizzare casi di delinquenza. Alle parrocchie e associazioni, alle comunità cristiane di tutte le confessioni ricorda che i poveri sono «luogo della presenza di Dio». A queste comunità e alle famiglie propone di “adottare” nell'amicizia una famiglia rom o sinta, di accompagnarla nella ricerca di casa, lavoro, cure, scuola, superando imbarazzo e pregiudizi. Tutte quelle povertà e bisogni umani in cui Cristo si identifica nel giudicare ogni vita (Matteo 25: fame, sete, malattia, carcere, senza casa...) si assommano nei Rom e Sinti. Nosiglia esorta a condividere le loro feste e le loro sofferenze. Quelli tra loro che sono cristiani hanno bisogno di coltivare la loro fede, gli altri hanno diritto di pregare secondo la loro religione. Dobbiamo rispettare gli usi e i costumi, realizzare un incontro di unità, perché Dio è uno solo. Le comunità cristiane devono educarsi all'accoglienza. Il vangelo è proprio per i tempi di crisi. L'amore ci liberi dal timore. Non è un problema insolubile. Può nascere un «modello Torino», un segno di Dio: gli ultimi secondo la società sono i primi secondo Dio.

«Quel Gesù che è nato in una baracca per animali come un rom sul Lungo Stura; che è sfuggito alla persecuzione omicida come un rom ai campi di sterminio nazisti; che non aveva una pietra dove posare il capo come un rom della Continassa; che è morto appeso ad una croce come un malfattore, non tanto diverso da un rom in carcere, ci aiuti ad accoglierLo nei nostri fratelli Rom e Sinti».

 

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 il foglio
 ::  presentazione
 ::  redazione
 ::  abbonamento
 ::  contatti
 ::  link
 :: archivio storico [parziale]

 avviso agli abbonati

Ci risulta che alcuni abbonati non ricevono a tempo debito, o non del tutto, la copia del nostro periodico. Ce ne scusiamo precisando che tale situazione non dipende da un nostro difetto bensì dal disservizio delle Poste.


 web partner

gli anni di carta

 Il Corriere di Tunisi

Aldo Bodrato

Enrico Peyretti

Delfino M. Rosso

 


 Numeri recenti
 :: 463 - Il quindicinale Adesso: 1951-1953 
 :: 462 - Con la lanterna di Diogene 
 :: 458 - Il quindicinale «adesso»: 1949 e 1950 
 :: 456 - P.G. Ferrero, parroco / 2 
 :: 455 - Pier Giorgio Ferrero, parroco / 1 
 :: 454 - Dopo la morte di alcuni preti operai 
 :: 454 - In margine alla viganeide 
 :: 452 - Gaudete et exsultate 
 :: 448 - Incontro a Roma della rete “Chiesa di tutti chiesa dei poveri” 
 :: 447 - Appunti ecclesiali 
 :: 446 - Don Milani ci scrive / 2 
 :: 445 - Don Milani ci scrive / 1 
 :: 445 - Assisi, 24-27 agosto 2017 
 :: 444 - Uno sguardo sulla religiosità ortodossa romena / 1 
 :: 443 - La fine del sovrannaturalismo 
 :: 441 - Paolo Ricca sui 500 anni dalla Riforma 
 :: 439 - La chiesa ai tempi di Francesco 
 :: 436 - Convegno a Bose sul vescovo di Torino 
 :: 428 - Dialogo con l'islàm / 7 
 :: 427 - VATILEAKS 2: VITA DA PRELATI 
 :: 424 - Un'enciclica che il potere vorrebbe far dimenticare 
 :: 417 - Nuovi modelli di parrocchia 
 :: 413 - Un tema conciliare dimenticato, tornato centrale 
 :: 412 - Donne e chiesa 
 :: 408 - Parola del vescovo di Roma 
 :: 408 - INADEGUATEZZE E AMBIGUITÀ DEL QUESTIONARIO 
 :: 406 - MARTINI GESUITA, BIBLISTA, VESCOVO 
 :: 405 - In Vaticano s'è accesa una luce 
 :: 401 - Presiedere nella carità 
 :: 400 - La rinuncia di Benedetto XVI 
 :: 398 - LE APPARIZIONI DI AQUERÓ A LOURDES 
 :: 396 - A 50 ANNI DALL’APERTURA DEL CONCILIO / 2 
 :: 396 - QUATTRO «RIBELLI PER AMORE DELLA VERITÀ» 
 :: 397 - La lettera del vescovo Nosiglia ai Rom e ai Sinti 
 :: 395 - IN MEMORIA DI PADRE CARLO MARIA MARTINI 
 :: 395 
 :: 392 - Che cosa sta cambiando nel cattolicesimo in Italia 
 :: 389 - ETTORE DE GIORGIS A 20 ANNI DALLA SCOMPARSA / 2 
 :: 388 - Ettore De Giorgis a 20 anni dalla scomparsa / 1 
 :: 387 - Ospitalità eucaristica 
 :: 386 - Memoria 
 :: 385 - Mons. Nosiglia alla Chiesa di Torino 
 :: 383 - Dal film di Moretti alla beatificazione di Wojtyla 
 :: 380 - Una lettera sincera e franca a Cesare Nosiglia, vescovo di Torino [versione integrale] 
 :: 379 - il foglio - FEBBRAIO 1971 – 2011 - Enrico Peyretti 
 :: 379 - il foglio - FEBBRAIO 1971 – 2011 - Aldo Bodrato 
 :: 377 - Sulla nomina dei vescovi 
 :: 375 - VALDESI E BENEDIZIONE DI COPPIE GAY 
 :: 370 - Sul convegno ecclesiale Firenze 2 
 :: 371 - Scandalo della pedofilia e vita delle chiese locali 
 :: 371 - Lettere 
 :: 372 - SINDONE, PRO E CONTRO 
 :: 369 - I GIOVANI E LA FEDE 
 :: 367 - A 50 anni dalla morte di don Primo Mazzolari 
 :: 367 - RESISTERE, PREGANDO E OPERANDO PER LA GIUSTIZIA 
 :: 362 - In ginocchio, in piedi, in cattedra 
 :: 359 - LA COMUNITÀ DEL VANDALINO 
 :: 356 - STRUTTURA COSTANTINIANA E VOCE DEL VANGELO 
 :: 355 - Riflessioni in vista del convegno dell’8 novembre 
 :: 353 - LA VENDETTA DI MONSIGNORE 
 :: 351 - Il ritorno di Monsignore 
 :: 344 - I parenti di Gesù / 2 
 :: 348 - INTERVENTO 
 :: 347 - IL MOTU PROPRIO DEL PAPA 
 :: 345 - COMUNICAZIONE E CRISTIANESIMO 
 :: 344 - DI CHI È LA CHIESA? 
 :: 343 - «UN PAOLO SARPI CONTEMPORANEO», SECONDO RUINI 
 :: 343 - I PARENTI DI GESÙ / 1 
 :: 338 - RADICI 
 :: 337 - CINQUE BREVI ARTICOLI SUL CREDERE/1 
 :: 336 - L’ARCIVESCOVO MICHELE PELLEGRINO, TRA OBLIO E RIMOZIONE 
 :: 334 - CHIESA PROFETICA O CHIESA DEL CULTO? 
 :: 328 - AGIOGRAFIA AL FEMMINILE 

copyright © 2005 il foglio - ideazione e realizzazione delfino maria rosso - powered by fullxml