il foglio 
Mappa | 31 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

  menu
 ::  editoriali
 ::  bibbia
 ::  chiesa
 ::  documenti
 ::  etica
 ::  filosofia
 ::  lettere
 ::  mondo
 ::  pace-nonviolenza
 ::  poesia
 ::  politica
 ::  recensioni
 ::  scienza
 ::  società
 ::  storia
 ::  teologia
 ::  zibaldone
 :: home
 :: indici analitici
 :: solo online

 Ricerca
  

 in libreria

Enrico Peyretti

Il diritto di non uccidere

IL MARGINE


Conversazioni di

Giuseppe Barbaglio e

Aldo Bodrato

QUALE STORIA A  PARTIRE DA GESU'?

ESODO Sevitium


Aldo Bodrato

L'avventura della Parola

Affatà Editrice


Enrico Peyretti

Dialoghi con Nortberto Bobbio 

Claudiana


Enrico Peyretti

Il bene della pace. La via della nonviolenza

Cittadella


Enrico Peyretti

Elogio della gratitudine

Cittadella


  storia
 411 - GUARDIAMO AI FATTI, ANCHE SE SCOMODI

 

IL CORAGGIO DELL’INCERTEZZA

 

Viviamo in tempi più difficili di una volta, cioè rispetto a trenta, cinquanta, settanta, cento anni fa? E come ci dobbiamo regolare? Lottare a fondo contro un sistema che ci porta alla rovina? Promuovere valori che sembrano perduti? Creare valori per il mondo d’oggi? Lottare contro chi detiene il potere? Cercare di sensibilizzare la gente?

Forse bisogna proprio partire dalle domande iniziali. Trent’anni fa. Nel 1983 era uscito il film (ora dimenticato) The day after. Mostrava le atroci conseguenze di una allora possibile guerra nucleare tra Usa e Urss. Fu un enorme successo. In alcune manifestazioni i dimostranti si sdraiavano per terra e contavano quanti minuti sarebbero occorsi per la messa in atto di un olocausto di miliardi di esseri umani.

E ora? Il pericolo è scomparso? Sicuramente no, anche se è presumibilmente molto inferiore a quello di trent’anni fa. I lenti ma positivi accordi con l’Iran lasciano bene sperare. La politica molto meno “muscolosa” di Obama ha buttato acqua su alcuni focolai di guerra. Il confronto va fatto non con un’ipotetica perfezione, ma con quello che avveniva nel passato. Domanda “scandalosa”: l’esistenza del pericolo atomico nei lunghi decenni di guerra fredda, ha impedito lo scatenarsi della Terza Guerra Mondiale che avrebbe comportato la distruzione completa dei contendenti e di tutto il pianeta? Penso che la questione debba rimanere aperta. Lo stesso comunista Berlinguer giudicava la Nato come «un ombrello» che ci aveva protetto dalle ingerenze sovietiche. Non viviamo in un mondo di santi, nel Regno dei cieli. Dal supremo male può nascere persino un po’ di bene, come anche viceversa. La stessa fabbricazione degli ordigni nucleari è segno di una progressiva degenerazione del genere umano? No, è frutto di una scienza che, come è quasi sempre successo, non si interessa delle conseguenze delle sue scoperte.

È da circa due secoli che si è sviluppata, in modo esponenziale, l’economia capitalistica. È un tipo di economia peggiore dei sistemi precedenti? È un’economia che provoca solo fame e morte? Se così fosse, perché, rispetto a due secoli fa, la popolazione umana è cresciuta da un miliardo a sette miliardi? E rispetto a cinquant’anni fa è cresciuta da tre miliardi a sette miliardi? Ai tempi di Marx, persino nella “ricchissima” Inghilterra, la maggioranza della popolazione si trovava in una situazione di miseria peggiore di quello che possiamo verificare oggi in Cina, India, Brasile.

Ma, in tutto il mondo, e all’interno di ogni nazione, c’è più disuguaglianza? Probabilmente sì. Ma disuguaglianza economica significa di per sé la forma peggiore di ingiustizia? Non si rischia in tal modo di tributare un omaggio al dio denaro, un omaggio davvero “ingiusto”? Non si rischia di dimenticare altre forme di disuguaglianza, meno “misurabili” ma più dolorose perché vissute in solitudine, senza speranza?

 

Ambiguità della storia

Si obbietterà che abbiamo fatto pagare alla natura il prezzo di quello che chiamiamo benessere, quello che per molti appare ancora un lontano traguardo. Certamente. Ma lo sfruttamento dell’ambiente c’è sempre stato. Solo ora ce ne rendiamo conto. Ma è difficile, se non impossibile, chiedere a tutta l’umanità di frenare la crescita, di modificare il modello di sviluppo, allo scopo di garantire un ambiente migliore alle generazioni future. Quale partito, quale gruppo sociale, oserei dire quale essere umano (salvo una pattuglia di sognatori) vorrebbe modificare radicalmente il proprio stile di vita rinunciando ad alcune pretese comodità? Ripeto, non siamo ancora nel Regno dei Cieli. E non siamo neppure più ai tempi «quando c’era Berlinguer» in cui il segretario di un partito che contava un terzo degli italiani vedeva nella politica di austerità un possibile «fatto liberatorio».

Vent’anni fa cellulari e computer iniziavano a diffondersi. È stato un fenomeno positivo? Probabilmente sì, ma occorre evitare risposte drastiche. Rispetto a cinquant’anni fa molti tabù sessuali sono caduti. C’è meno ipocrisia. Ma c’è davvero più libertà? È in diminuzione la sofferenza per problemi nei rapporti di coppia?

I potenti sono sempre più potenti e l’arte del dominio più penetrante? Torniamo indietro di settanta, ottant’anni: milioni di infelici erano pronti a sacrificarsi per il risorto Impero Romano, per il Reich Millenario, per “ideali” che ora ci fanno sorridere amaramente. Molti operai italiani si facevano licenziare guardando ad un futuro in cui il compagno Stalin avrebbe portato giustizia e pace. L’arte del dominio sulle coscienze era più penetrante di quanto non lo sia oggi.

Anche oggi subiamo l’influenza dei media, ma in genere siamo più disincantati. Qualcuno sacrificherebbe la vita per Berlusconi, Grillo… Renzi? C’è invece il pericolo del nichilismo ideologico. «Dio è morto, Marx è morto. E anch’io non mi sento bene», così Woody Allen. Sì, non ci sentiamo bene ma non riusciamo a immaginare un futuro migliore.

Che fare allora? Per un intellettuale, per un credente impegnato, il compito è vastissimo. È difficile accettare l’angosciosa ambiguità della storia. Occorre avere il coraggio di superare il «non sentirsi bene», la tentazione di rimanere paralizzati da una patologica incertezza. Senza aggrapparci al solito «che tempi!», senza pretendere di essere nel Regno dei cieli. La «gente» è «quella che è»? E sempre così sarà? Più che fidarci delle grandi idee, occorre operare uno sforzo, forse eroico, di fidarci della gente. E lavorare con quelli del bar più che con quelli degli alti scanni di ogni Accademia. E lo sforzo è davvero eroico nella misura in cui rinunciamo ad ogni certezza, pronti a imparare da chiunque, anche da chi ci sembra più lontano.

Poiché, sia chiaro, anche il mio relativo ottimismo circa il tempo presente può e deve essere messo in discussione. Può darsi che abbiano ragione coloro che vedono nell’economia capitalistica e nell’imperialismo occidentale un pericolo mortale.

Io non la penso così, credo di avere imparato qualcosa dall’esperienza e dai miei errori. Ma potrei sbagliare, come tutti.

Dario Oitana

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 il foglio
 ::  presentazione
 ::  redazione
 ::  abbonamento
 ::  contatti
 ::  link
 :: archivio storico [parziale]

 avviso agli abbonati

Ci risulta che alcuni abbonati non ricevono a tempo debito, o non del tutto, la copia del nostro periodico. Ce ne scusiamo precisando che tale situazione non dipende da un nostro difetto bensì dal disservizio delle Poste.


 web partner

gli anni di carta

 Il Corriere di Tunisi

Aldo Bodrato

Enrico Peyretti

Delfino M. Rosso

 


 Numeri recenti
 :: 456 - A proposito di Spartaco, e dell'«altra Italia» 
 :: 455 - Due benemeriti dimenticati: Torri e Gentili 
 :: 454 - Interpretazioni e soluzioni diverse della crisi 
 :: 451 - Esercizio di memoria per il 25 aprile 
 :: 452 - Antiretorica della Seconda guerra mondiale 
 :: 453 - Chi sia l’ebreo lo sa soltanto il persecutore 
 :: 450 - Il negazionismo divenuto legge a Varsavia 
 :: 450 - Un salto indietro di settant'anni 
 :: 448 - 27 gennaio, una mostra (già chiusa) per non dimenticare 
 :: 447 - A spasso per la Turingia 
 :: 445 - Torino 1917 
 :: 440 - La storia di due fratelli ribelli 
 :: 438 - Tra mito, archeologia e attualità politica 
 :: 434 - Sessant'anni fa 
 :: 433 - ITALIANI D’ALBANIA, UNA STORIA POCO CONOSCIUTA / 3 
 :: 433 - PAROLA DETTA VS PAROLA SCRITTA 
 :: 432 - ITALIANI D’ALBANIA, UNA STORIA POCO CONOSCIUTA / 2 
 :: 432 - Un tentativo di storia europea 
 :: 431 - UNA STORIA POCO CONOSCIUTA / 1 
 :: 429 - A 70 ANNI DALL’ATOMICA IN GIAPPONE 
 :: 423 - LETTERE DAL FRONTE 
 :: 422 - Un destino difficile 
 :: 423 - La disputa tra autenticisti e negazionisti 
 :: 422 - A 100 ANNI DALL’INGRESSO NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE 
 :: 421 - 1943-1945 
 :: 412 - Due domenicani: Girotti e Giuliani 
 :: 411 - GUARDIAMO AI FATTI, ANCHE SE SCOMODI 
 :: 410 - Il contesto internazionale 
 :: 410 - il foglio e gli «anni spezzati» del terrorismo 
 :: 396 - Sacco e Vanzetti a 85 anni dalla morte / 1 
 :: 397 - Sacco e Vanzetti a 85 anni dalla morte / 2 
 :: 391 - La tragedia del comunismo / 2 
 :: 390 - La tragedia del comunismo / 1 
 :: 384 - Diventare italiani 
 :: 382 - ATTREZZI E SPERANZE: CHE COSA RESTA DI UN SECOLO 
 :: 383 - Storia dimenticata di un protagonista del Risorgimento 
 :: 381 - L’esperienza «democratica» degli Escartoun 
 :: 380 - Italia centocinquanta / 4: Dell’elmo chiodato s’è cinta la testa 
 :: 379 - Italia Centocinquanta / 3 
 :: 378 - Italia Centocinquanta / 2: gloriosi massacri 
 :: 377 - Italia centocinquanta: le guerre del 1848-49 
 :: 375 - CENTOCINQUANTENARIO A RISCHIO DI RETORICA 
 :: 376 - "Cuore" e "Pinocchio", non solo libri per ragazzi 
 :: 362 - 25 APRILE, STORIE DA NON DIMENTICARE 
 :: 358 - 27 gennaio, Giorno della memoria 
 :: 356 - ANTROPOLOGIA POLITICA 
 :: 356 - PATRIA E BUONA FEDE 
 :: 355 - CAMBIARE SE STESSI E IL MONDO A 20 ANNI 
 :: 354 - CAMBOGIA 1975-78 
 :: 348 - 1948-2008, I 60 ANNI DELLA COSTITUZIONE 
 :: 346 - LA RIVOLUZIONE CULTURALE CINESE 
 :: 340 - Un convegno su padre Pellegrino 
 :: 340 - SUL DISCORSO DI NAPOLITANO 
 :: 335 - L’ALTRA STORIA 
 :: 330 - L’ALTRA STORIA/1 
 :: 331 - L’ALTRA STORIA/2 

copyright © 2005 il foglio - ideazione e realizzazione delfino maria rosso - powered by fullxml