il foglio 
Mappa | 13 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

  menu
 ::  editoriali
 ::  bibbia
 ::  chiesa
 ::  documenti
 ::  etica
 ::  filosofia
 ::  lettere
 ::  mondo
 ::  pace-nonviolenza
 ::  poesia
 ::  politica
 ::  recensioni
 ::  scienza
 ::  società
 ::  storia
 ::  teologia
 ::  zibaldone
 :: home
 :: indici analitici
 :: solo online

 Ricerca
  

 in libreria

Enrico Peyretti

Il diritto di non uccidere

IL MARGINE


Conversazioni di

Giuseppe Barbaglio e

Aldo Bodrato

QUALE STORIA A  PARTIRE DA GESU'?

ESODO Sevitium


Aldo Bodrato

L'avventura della Parola

Affatà Editrice


Enrico Peyretti

Dialoghi con Nortberto Bobbio 

Claudiana


Enrico Peyretti

Il bene della pace. La via della nonviolenza

Cittadella


Enrico Peyretti

Elogio della gratitudine

Cittadella


  storia
 445 - Torino 1917

 

Una città contro la guerra

 

Non mi risulta, salvo errore, che sia stato ricordato, almeno a Torino, in questo agosto 2017, il centenario dell'ampia protesta torinese contro la guerra, la più grande in Italia, di valore politico, nell'agosto 1917. Raccolgo gli elementi storici essenziali sui fatti torinesi da Ercole Ongaro, NO alla Grande Guerra 1915-1918, I libri di Emil, Bologna 2015, pp. 157-168, che cita anche studi precedenti di Alberto Monticone, Domenico Zuccàro, Paolo Spriano, Luigi Ambrosoli.

La manifestazione scoppiò il 22 agosto per la carenza di pane, già dal 9 e dall'11 del mese. Mancava la farina nelle panetterie. Ma la protesta continuò e crebbe anche dopo che, la sera del 22, arrivarono scorte di farina. Diventò una rivolta sanguinosa. I resoconti danno cifre da 38 a 500 morti e 200 feriti tra i manifestanti, e tre fra i militari comandati a tenere l'ordine. Queste cifre dicono che, se non fu una rivolta nonviolenta, certamente fu più violentata che violenta.

Agitazioni operaie, specialmente di donne, erano cominciate nel marzo di quell'anno. Il partito socialista torinese, dall'anno precedente guidato dall'ala più moderata, era per sabotare la guerra e fare la pace a ogni costo. Soffiavano venti di rivoluzione, per l'esempio dei fatti di Russia in quei mesi. Il 13 agosto passarono a Torino e fecero un comizio alcuni rappresentanti dei Soviet russi. C'era già tra i giovani socialisti Antonio Gramsci che cercava una via non retorica di preparazione per un vero cambiamento. Il dirigente rivoluzionario Barberis, il 27 maggio, aveva invitato gli operai a venire ai comizi «con delle buone rivoltelle per attaccare la forza pubblica» e a non produrre più armi e munizioni per la guerra. Ettore Ercole, della federazione ferrovieri, disse che era meglio «perdere 500 uomini per la causa popolare che lasciarne sacrificare 10.000 in guerra nell'interesse della borghesia». L'8 giugno un ispettore di P.S. riferisce al ministero che l'opinione pubblica è avversa alla guerra in tutte le classi.

Da giovedì 23 agosto fu sciopero generale, devastazioni, l'ordine pubblico affidato all'esercito. La protesta si estende nella cintura industriale. Cadono le prime vittime, colpite anche da spari provenienti da appartamenti civili. Saccheggiati e incendiati convento e chiesa di San Bernardino (oggi in via Di Nanni) e della Madonna della Pace. Attaccate due caserme. Gli scontri più sanguinosi in via Garibaldi, piazza Statuto, corso Vercelli.

Venerdì 24 il partito socialista e la Camera del lavoro approvano e cercano di assumere la direzione dei moti, raccomandando di evitare inutili violenze che possono limitare il rifornimenti di viveri. Ancora scontri sanguinosi, dimostranti con armi da fuoco e bombe a mano. Assalto al commissariato P.S. di Ponte Mosca. Le vittime erano già 24.

Sabato 25, stabilimenti chiusi e aspri scontri. Gli insorti non riescono a ottenere la solidarietà dei soldati perché li assaltano per disarmarli e quelli reagiscono. Arresti di capi socialisti e sindacalisti. I deputati socialisti invitano a riprendere il lavoro e scrivono che il moto proletario è avvertimento al governo di far cessare la guerra − «strage inutile e disumana» (l'espressione cita, senza nominare Benedetto XV, le  parole famose, in ordine inverso, − «inutile strage» − pronunciate dal papa il primo giorno dello stesso mese di agosto) − e indica ai proletari la necessità di «una più intensa e decisiva preparazione». L'autorità militare vieta la diffusione del manifesto. Resta l'invito a tornare al lavoro. Lunedì 27 la maggioranza dei lavoratori rientra un fabbrica, nel pomeriggio anche parte delle lavoratrici.

I moti di Torino, accesi da una causa economica, diventano chiara e forte protesta politica spontanea e popolare contro la guerra, azione non improvvisata, ma preparata dalla opposizione socialista fin dall'agosto 1914 e dalla predicazione dell'ala intransigente nel 1917.

Nel luglio 1918 il tribunale militare condanna da tre a sei anni di reclusione sei dei tredici imputati (12 dirigenti socialisti e un anarchico). La sentenza non considera la rivolta per il pane, ma solo il significato politico dei fatti: istigazione dei lavoratori a sabotare la produzione bellica, istigazione dei soldati a disertare, diminuzione della potenzialità dell'esercito e facilitazione del nemico. In seguito, la letteratura comunista interpreta i fatti come vera rivoluzione proletaria, fallita solo per mancanza di direzione.

Enrico Peyretti

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 il foglio
 ::  presentazione
 ::  redazione
 ::  abbonamento
 ::  contatti
 ::  link
 :: archivio storico [parziale]

 avviso agli abbonati

Ci risulta che alcuni abbonati non ricevono a tempo debito, o non del tutto, la copia del nostro periodico. Ce ne scusiamo precisando che tale situazione non dipende da un nostro difetto bensì dal disservizio delle Poste.


 web partner

gli anni di carta

 Il Corriere di Tunisi

Aldo Bodrato

Enrico Peyretti

Delfino M. Rosso

 


 Numeri recenti
 :: 461 - Elezioni europee 
 :: 459 - 27 gennaio: «la rete delle due religioni» e una tipografia ad Assisi 
 :: 459 - In memoria di un Beato 
 :: 458 - 4 novembre 1918 ‒ 2018 
 :: 456 - A proposito di Spartaco, e dell'«altra Italia» 
 :: 455 - Due benemeriti dimenticati: Torri e Gentili 
 :: 454 - Interpretazioni e soluzioni diverse della crisi 
 :: 451 - Esercizio di memoria per il 25 aprile 
 :: 452 - Antiretorica della Seconda guerra mondiale 
 :: 453 - Chi sia l’ebreo lo sa soltanto il persecutore 
 :: 450 - Il negazionismo divenuto legge a Varsavia 
 :: 450 - Un salto indietro di settant'anni 
 :: 448 - 27 gennaio, una mostra (già chiusa) per non dimenticare 
 :: 447 - A spasso per la Turingia 
 :: 445 - Torino 1917 
 :: 440 - La storia di due fratelli ribelli 
 :: 438 - Tra mito, archeologia e attualità politica 
 :: 434 - Sessant'anni fa 
 :: 433 - ITALIANI D’ALBANIA, UNA STORIA POCO CONOSCIUTA / 3 
 :: 433 - PAROLA DETTA VS PAROLA SCRITTA 
 :: 432 - ITALIANI D’ALBANIA, UNA STORIA POCO CONOSCIUTA / 2 
 :: 432 - Un tentativo di storia europea 
 :: 431 - UNA STORIA POCO CONOSCIUTA / 1 
 :: 429 - A 70 ANNI DALL’ATOMICA IN GIAPPONE 
 :: 423 - LETTERE DAL FRONTE 
 :: 422 - Un destino difficile 
 :: 423 - La disputa tra autenticisti e negazionisti 
 :: 422 - A 100 ANNI DALL’INGRESSO NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE 
 :: 421 - 1943-1945 
 :: 412 - Due domenicani: Girotti e Giuliani 
 :: 411 - GUARDIAMO AI FATTI, ANCHE SE SCOMODI 
 :: 410 - Il contesto internazionale 
 :: 410 - il foglio e gli «anni spezzati» del terrorismo 
 :: 396 - Sacco e Vanzetti a 85 anni dalla morte / 1 
 :: 397 - Sacco e Vanzetti a 85 anni dalla morte / 2 
 :: 391 - La tragedia del comunismo / 2 
 :: 390 - La tragedia del comunismo / 1 
 :: 384 - Diventare italiani 
 :: 382 - ATTREZZI E SPERANZE: CHE COSA RESTA DI UN SECOLO 
 :: 383 - Storia dimenticata di un protagonista del Risorgimento 
 :: 381 - L’esperienza «democratica» degli Escartoun 
 :: 380 - Italia centocinquanta / 4: Dell’elmo chiodato s’è cinta la testa 
 :: 379 - Italia Centocinquanta / 3 
 :: 378 - Italia Centocinquanta / 2: gloriosi massacri 
 :: 377 - Italia centocinquanta: le guerre del 1848-49 
 :: 375 - CENTOCINQUANTENARIO A RISCHIO DI RETORICA 
 :: 376 - "Cuore" e "Pinocchio", non solo libri per ragazzi 
 :: 362 - 25 APRILE, STORIE DA NON DIMENTICARE 
 :: 358 - 27 gennaio, Giorno della memoria 
 :: 356 - ANTROPOLOGIA POLITICA 
 :: 356 - PATRIA E BUONA FEDE 
 :: 355 - CAMBIARE SE STESSI E IL MONDO A 20 ANNI 
 :: 354 - CAMBOGIA 1975-78 
 :: 348 - 1948-2008, I 60 ANNI DELLA COSTITUZIONE 
 :: 346 - LA RIVOLUZIONE CULTURALE CINESE 
 :: 340 - Un convegno su padre Pellegrino 
 :: 340 - SUL DISCORSO DI NAPOLITANO 
 :: 335 - L’ALTRA STORIA 
 :: 330 - L’ALTRA STORIA/1 
 :: 331 - L’ALTRA STORIA/2 

copyright © 2005 il foglio - ideazione e realizzazione delfino maria rosso - powered by fullxml