il foglio 
Mappa | 17 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

  menu
 ::  editoriali
 ::  bibbia
 ::  chiesa
 ::  documenti
 ::  etica
 ::  filosofia
 ::  lettere
 ::  mondo
 ::  pace-nonviolenza
 ::  poesia
 ::  politica
 ::  recensioni
 ::  scienza
 ::  società
 ::  storia
 ::  teologia
 ::  zibaldone
 :: home
 :: indici analitici
 :: solo online

 Ricerca
  

 26 nov - 6 dic 2014

  

al sito

 


 in libreria

Enrico Peyretti

Il diritto di non uccidere

IL MARGINE


Conversazioni di

Giuseppe Barbaglio e

Aldo Bodrato

QUALE STORIA A  PARTIRE DA GESU'?

ESODO Sevitium


Aldo Bodrato

L'avventura della Parola

Affatà Editrice


Enrico Peyretti

Dialoghi con Nortberto Bobbio 

Claudiana


Enrico Peyretti

Il bene della pace. La via della nonviolenza

Cittadella


Enrico Peyretti

Elogio della gratitudine

Cittadella


  home
 346 - novembre
Il mese di ottobre ha visto la partecipazione di milioni di cittadini a consultazioni e manifestazioni, dimostrando che molti italiani non hanno ancora perso il gusto e la voglia di far sentire la propria voce, impegnarsi, discutere e partecipare alle decisioni collettive.

A questo dato positivo, se ne affianca un altro molto preoccupante: la crisi sempre più grave delle tre istituzioni fondamentali della nostra Costituzione: il parlamento, il governo e la magistratura. Le prime due non riescono più a svolgere il loro compito istituzionale: dibattere con chiarezza e trasparenza le diverse scelte politiche che vengono presentate sui problemi della nostra società, decidere a maggioranza, eseguire con rapidità ed efficienza le decisioni prese.

Nel Parlamento sono presenti una quarantina di partiti, molti rappresentati da un solo parlamentare! Per avere visibilità, ciascun partito deve diversificarsi in qualche modo dagli altri, amplificando le differenze e moltiplicando gli scontri in aula, generando l’impressione di inefficienza, confusione, inconcludenza del parlamento stesso, che ne fa apparire il costo ingiustificato ed eccessivo.

I governi sono formati da coalizioni eterogenee con programmi opposti, pensiamo alla distanza di posizioni nell’attuale maggioranza tra Udeur e Rifondazione Comunista, o nel centrodestra tra la Lega secessionista e An nazionalista. Così, basta un piccolo gruppo di dissenzienti, oggi addirittura un solo senatore, per ricattare tutta la maggioranza, paralizzarne l’attività, addirittura minacciarne la caduta. Da qui mediazioni infinite e paralisi.

La magistratura è sempre più incapace di fare giustizia, stretta tra divisioni interne, contrapposizioni con gli altri due poteri, regole che sembrano fatte apposta per vanificarne il lavoro. Mentre qualche anno fa il problema era l’eccessiva durata dei processi (giustizia ritardata), oggi siamo oltre, sempre più processi si concludono con una prescrizione, in particolare quelli a persone in grado di pagarsi per tutto il tempo necessario buoni avvocati (nessuna giustizia).

Tutti i tentativi di riforma della seconda parte della Costituzione, parziali e spesso estemporanei, o sono abortiti o non hanno fatto che peggiorare la situazione.

Questo miscuglio di voglia di partecipare e di mancanza di sbocchi istituzionali è molto pericoloso per la democrazia e in particolare per la sinistra. La formazione di un grande partito di centrosinistra con la partecipazione e l’impegno di così tante persone è forse l’ultima possibilità per la classe dirigente democratica del nostro paese. Può innescare una ricomposizione salutare di partiti e partitini partendo dai programmi e non dalle ideologie o dai personalismi e fa cessare l’anomalia italiana per cui il capo del governo non appartiene al partito più grande della coalizione. Devono realizzarsi però due condizioni essenziali: in primo luogo, il Partito Democratico deve restare generosamente aperto ad altri apporti e confluenze, in particolare verso la sua sinistra; in secondo luogo, le due anime della sinistra, quella socialdemocratica e quella comunista, dopo 90 anni di scontri e divisioni che hanno causato disastri e sconfitte a loro e gravi danni all’Italia, devono riuscire a collaborare lealmente senza tentare di prevaricarsi e conquistare l’egemonia a danno dell’altra, cercando punti di mediazione, senza dover per questo essere costrette ad abbandonare le proprie convinzioni profonde. Ciò oggi non dovrebbe essere impossibile dopo la fine del comunismo sovietico e sarebbe tragico perdere anche questa ultima occasione.

La prima cosa che l’alleanza di centrosinistra deve assolutamente e urgentemente fare è riformare a fondo la seconda parte della Costituzione. Senza istituzioni rinnovate, più rispondenti alla realtà e alle necessità dell’Italia di oggi, temiamo che ogni altro sforzo sarà vanificato. Il compito richiede uno sforzo particolare di apertura, lungimiranza e coraggio perché una riforma profonda e seria non si può fare contro il centrodestra, che però recalcitra perché teme con un accordo di rafforzare il governo Prodi.

 


 

indice

 

Quello che ho imparato dall’amore (Enrico Peyretti) in etica

Rinnova l’abbonamento

Partigiani, patrioti e ignoranti (d. o.)

Il Nobel ad Al Gore: pace o ambiente?

Rivoluzione culturale cinese, il più grande tentativo di realizzare l’utopia (Dario Oitana) in storia

Non credano i potenti… (Doris Lessing)

Bozza d’intesa tra atei e teisti (Massimiliano Fortuna)

La poesia o la torta (Grace Paley)

I tre mali / 2 Tutta colpa dell’uomo (Mauro Pedrazzoli) in teologia

Pensioni e pensionati. Un patrimonio non monetario (e. p.)

Senza distogliere lo sguardo (Arundhati Roy)

Botta e risposta. Il lavoro è un diritto (Enrico Peyretti); Ma la legge non basta (Angelo Papuzza)

Ama il prossimo tuo (recensione E. M. Remarque, Ama il prossimo tuo, Oscar Mondadori)

Bibbia. Lettura critica e lettura spirituale (Paolo De Benedetti)

in ricordo di chica (mino rosso) in zibaldone

Suicidio. Grideranno le pietre (Daniele Garota)

Felicità (I. S. Turgenev)

Per i 25 anni del Centro Studi Sereno Regis

Volevo la luna (Pietro Ingrao)


 
 il foglio
 ::  presentazione
 ::  redazione
 ::  abbonamento
 ::  contatti
 ::  link
 :: archivio storico [parziale]

 rinnovo abbonamento

L’abbonamento è in scadenza. Ricordati di rinnovarlo per tempo. L’importo è di 33,00 euro.

A chi non ha rinnovato l’abbonamento nel 2015, chiediamo, se desidera continuare a ricevere il nostro mensile, di riabbonarsi al più presto, e a chi può di sottoscrivere per il 2016 un abbonamento da sostenitore.

Grazie!


 avviso agli abbonati

Ci risulta che alcuni abbonati non ricevono a tempo debito, o non del tutto, la copia del nostro periodico. Ce ne scusiamo precisando che tale situazione non dipende da un nostro difetto bensì dal disservizio delle Poste.


 web partner

gli anni di carta

 Il Corriere di Tunisi

Aldo Bodrato

Enrico Peyretti

Delfino M. Rosso

 


 Numeri recenti
 :: 455 - ottobre 
 :: 454 - settembre 
 :: 452 - maggio 
 :: 451 - aprile 
 :: 453 - luglio 
 :: 450 - marzo 
 :: 449 - febbraio 
 :: 448 - gennaio 2018 
 :: 447 - dicembre 
 :: 446 - novembre 
 :: 445 - ottobre 
 :: 444 - settembre 
 :: 443 - giugno 
 :: 442 - maggio 
 :: 441 - aprile 
 :: 440 - marzo 
 :: 439 - febbraio 
 :: 437 - dicembre 
 :: 438 - gennaio 2017 
 :: 436 - novembre 
 :: 435 - ottobre 
 :: 434 - agosto-settembre 
 :: 433 - giugno - luglio 
 :: 432 - maggio 
 :: 431 - aprile 
 :: 430 - marzo 
 :: 429 - febbraio 
 :: 428 - gennaio 2016 
 :: 427 - dicembre 
 :: 426 - novembre 
 :: 425 - ottobre 
 :: 424 - settembre 
 :: 423 - giugno-luglio 
 :: 422 - maggio 
 :: 421 - aprile 
 :: 420 - marzo 
 :: 419 - febbraio 
 :: 418 - gennaio 2015 
 :: 417 - dicembre 
 :: 416 - novembre 
 :: 415 - ottobre 
 :: 414 - settembre 
 :: 413 - giugno 
 :: 412 - maggio 
 :: 411 - aprile 
 :: 410 - marzo 
 :: 409 - febbraio 
 :: 408 - gennaio 2014 
 :: 407 - dicembre 
 :: 406 - novembre 
 :: 405 - ottobre 
 :: 404 - settembre 
 :: 403 - giugno - luglio 
 :: 402 - maggio 
 :: 401 - aprile 
 :: 400 - marzo 
 :: 399 - febbraio 
 :: 398 - gennaio 2013 
 :: 396 - novembre 
 :: 397 - dicembre 
 :: 395 - ottobre 
 :: 394 - settembre 
 :: 393 - giugno - luglio 
 :: 392 - maggio 
 :: 391 - aprile 
 :: 390 - marzo 
 :: 389 - febbraio 
 :: 388 - gennaio 2012 
 :: 387 - dicembre 
 :: 386 - novembre 
 :: 385 - ottobre 
 :: 384 - settembre 
 :: 382 - maggio 
 :: 383 - giugno-luglio 
 :: 381 - aprile 
 :: 380 - marzo 
 :: 379 - febbraio 
 :: 378 - gennaio 2011 
 :: 377 - dicembre 
 :: 374 - settembre 
 :: 375 - ottobre 
 :: 376 - novembre 
 :: 370 - marzo 
 :: 371 - aprile 
 :: 373 - luglio 
 :: 372 - maggio-giugno 
 :: 369 - febbraio 
 :: 368 - gennaio 2010 
 :: 367 - dicembre  
 :: 366 - novembre 
 :: 365 - ottobre 
 :: 364 - agosto 
 :: 363 - giugno - luglio 
 :: 362 - maggio 
 :: 361 - aprile  
 :: 360 - marzo 
 :: 359 - febbraio 
 :: 358 - gennaio 2009 
 :: 357 - dicembre 
 :: 356 - novembre 
 :: 355 - ottobre  
 :: 354 - settembre 
 :: 353 - giugno 
 :: 352 - maggio 
 :: 351 - aprile 
 :: 350 - marzo 
 :: 349 - febbraio 
 :: 348 - gennaio 2008 
 :: 347 - dicembre  
 :: 346 - novembre 
 :: 345 - ottobre 
 :: 344 - settembre 
 :: 343 - luglio/agosto 
 :: 342 - giugno 
 :: 341 – aprile/maggio 
 :: 340 - marzo 
 :: 339 - febbraio 
 :: 338 - gennaio 2007 
 :: 337 - dicembre 
 :: 336 - novembre 
 :: 335 - ottobre 
 :: 334 - settembre 
 :: 333 - giugno/luglio 
 :: 332 - maggio 
 :: 331 - aprile 
 :: 330 - marzo 
 :: 329 - febbraio 
 :: 328 - gennaio 2006 

copyright © 2005 il foglio - ideazione e realizzazione delfino maria rosso - powered by fullxml