il foglio 
Mappa | 81 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

  menu
 ::  editoriali
 ::  bibbia
 ::  chiesa
 ::  documenti
 ::  etica
 ::  filosofia
 ::  lettere
 ::  mondo
 ::  pace-nonviolenza
 ::  poesia
 ::  politica
 ::  recensioni
 ::  scienza
 ::  società
 ::  storia
 ::  teologia
 ::  zibaldone
 :: home
 :: indici analitici
 :: solo online

 Ricerca
  

 26 nov - 6 dic 2014

  

al sito

 


 in libreria

Enrico Peyretti

Il diritto di non uccidere

IL MARGINE


Conversazioni di

Giuseppe Barbaglio e

Aldo Bodrato

QUALE STORIA A  PARTIRE DA GESU'?

ESODO Sevitium


Aldo Bodrato

L'avventura della Parola

Affatà Editrice


Enrico Peyretti

Dialoghi con Nortberto Bobbio 

Claudiana


Enrico Peyretti

Il bene della pace. La via della nonviolenza

Cittadella


Enrico Peyretti

Elogio della gratitudine

Cittadella


  home
 334 - settembre

Spesso il passato lascia ferite così profonde che impediscono di vivere il presente, trasformando ogni problema, contrasto, difficoltà in una lotta per la sopravvivenza. Ciò avviene sia per gli individui che per le società. È questo il caso di israeliani e palestinesi. Gli ebrei vivono due traumi profondi, acuitisi durante la persecuzione nazifascista: quello di essere trattati da stranieri in stati in cui vivono da molte generazioni o persino da più di 2000 anni, come gli ebrei romani; e quello di aver sfiorato l’estinzione totale in Europa, senza aver fatto assolutamente nulla per causarla e senza avere la possibilità di organizzare la minima difesa o resistenza. I palestinesi hanno vissuto per centinaia di anni prima sotto il colonialismo turco, particolarmente violento e negatorio delle culture dei popoli colonizzati (come ben sanno gli armeni e i curdi), poi sotto quello anglo-francese. La situazione è resa ancora più complicata dal fatto che entrambe le popolazioni si sentono innocenti delle tragedie toccate all’altra e non capiscono perché dovrebbero essere proprio loro a risarcirle. Questi traumi impediscono agli israeliani di vedere l’oltraggio arrecato ai palestinesi dalla costituzione del loro stato, e a questi di riconoscere il diritto degli ebrei di costituire una loro patria nella terra della Promessa, dei loro Padri, dei loro simboli religiosi, dove per migliaia di anni generazioni di ebrei hanno vissuto e dove, nonostante tutto, hanno continuato a vivere in piccole ma significative comunità, dove infine è nata la parte più giovane dei tre milioni di persone che lo abitano. In queste condizioni, senza l’aiuto della comunità internazionale è pressoché impossibile che israeliani e palestinesi riescano a trovare un minimo accordo per poter convivere. Finora però gli stati che sono intervenuti hanno usato la lotta mortale tra i due popoli per perseguire i loro disegni egemonici e, a giudicare da ciò che avviene in Italia, anche la maggioranza dei politici e dell’opinione pubblica occidentale si schiera da una parte o dall’altra a seconda che vogliano contrastare o favorire l’egemonia degli Stati Uniti, o seguendo stereotipi inaccettabili come «i nazisti avevano ragione», o «gli arabi capiscono solo le maniere forti», «la loro cultura inferiore minaccia la nostra». Anche il proporre piani e accordi di soluzione globale è velleitario: solo le parti con una serrata trattativa possono trovare un accordo che abbia probabilità di successo. I compiti che la comunità internazionale può svolgere sono più modesti ma fondamentali. Per quanto riguarda l’opinione pubblica, dovrebbe evitare accuratamente e testardamente di parteggiare per una parte o per l’altra. La guerra mediatica è altrettanto importante di quella guerreggiata, dimostrando l’importanza che le parti annettono al tirare dalla loro l’opinione pubblica. La scelta politica della neutralità contribuirebbe alla riduzione di questa lotta. Anche se non è facile, bisogna assolutamente resistere alla pietà che suscitano le condizioni di vita dei palestinesi e all’orrore per gli attentati terroristici e non trasformarle in armi ideologiche. Per quanto riguarda la diplomazia, sarebbe già un successo se ci fosse un accordo per cessare le strumentalizzazioni ormai chiaramente inefficaci e sempre più pericolose per gli stessi stati che le praticano. In questo senso l’intervento in Libano dell’Europa potrebbe essere un piccolo spiraglio. Al fine di lenire i traumi citati all’inizio, il passo successivo potrebbe portare l’Onu ad affermare in modo chiaro, assoluto e certo la volontà politica internazionale di evitare agli israeliani un secondo olocausto, e garantire ai palestinesi la creazione di un loro Stato pienamente autonomo, indipendente, sovrano, in grado di stare da pari a pari nei confronti di Israele. Ottenute queste rassicurazioni, le parti più moderate e lungimiranti, che pure ci sono su entrambi i fronti, e crediamo anzi siano più numerose di quanto sembri, possono tentare di conquistare la maggioranza delle loro opinioni pubbliche e arrivare a una trattativa che sarà lunga, dura, anche drammatica, ma con buone possibilità di successo. Anche in questa fase la comunità internazionale avrà un compito marginale ma importante: il supporto economico, in particolare per dare allo Stato palestinese i mezzi necessari per avviare la ricostruzione e a Israele i mezzi per risarcire generosamente i palestinesi per le proprietà perdute durante la costituzione dello stato.


indice

 

Pace con mezzi pacifici. Estate politica – Afghanistan e Libano  (Enrico Peyretti)in politica

Quale attenzione nelle nostre comunità. Carcere e indulto (Pierluigi Dovis, Daniele Bortolussi, Fredo Olivero)

I costi della politica

Come risolvere i problemi dell’infanzia. Psicofarmaci ai bambini (Elisa Lurgo)

Una stanza di quiete. Hammarskjöld a 45 dalla morte

Il neonato sul petto della mamma

Figli (Luca Sassetti)

Non bastava la croce? Auschwitz, mille  (Lettera firmata) - in lettere

Fare eco al grido (Aldo Bodrato)

La pericolosa bellezza di Giovanni. Chiesa profetica o chiesa del culto   (Ernesto Ferretti) - in religione

La regola aurea nei vangeli, e oltre. Un’altra umanità possibile (Enrico Peyretti)

Una religione come le altre? (Dario Oitana)

Si muore perché si uccide

I cristiani sono differenti? Recensione al libro “La differenza cristiana” di Enzo Bianchi (e.p.)

Otto passi nella grande musica. Recensione al libro “Piccola guida alla grande musica” di Rodolfo Venditti (e.p.)

Piccolo alfabeto spirituale. Recensione al libro “Parole. Tracce di Dio sulle nostre strade” di Piero Gallo (a.b.)

Sul volto di Tommy. Recensione al film “Anche libero va bene” di Kim Rossi Stuart  (e.p.)

Il canto del merlo e della merla

Lettere. Quale mondo Dio avrebbe creato?

Lettere. Ho “mollato” il dossier

Non so cantare (e.p.)

L’ossigeno dell’anima 


 
 il foglio
 ::  presentazione
 ::  redazione
 ::  abbonamento
 ::  contatti
 ::  link
 :: archivio storico [parziale]

 rinnovo abbonamento

L’abbonamento è in scadenza. Ricordati di rinnovarlo per tempo. L’importo è di 33,00 euro.

A chi non ha rinnovato l’abbonamento nel 2015, chiediamo, se desidera continuare a ricevere il nostro mensile, di riabbonarsi al più presto, e a chi può di sottoscrivere per il 2016 un abbonamento da sostenitore.

Grazie!


 avviso agli abbonati

Ci risulta che alcuni abbonati non ricevono a tempo debito, o non del tutto, la copia del nostro periodico. Ce ne scusiamo precisando che tale situazione non dipende da un nostro difetto bensì dal disservizio delle Poste.


 web partner

gli anni di carta

 Il Corriere di Tunisi

Aldo Bodrato

Enrico Peyretti

Delfino M. Rosso

 


 Numeri recenti
 :: 457 - dicembre 
 :: 456 - novembre 
 :: 455 - ottobre 
 :: 454 - settembre 
 :: 452 - maggio 
 :: 451 - aprile 
 :: 453 - luglio 
 :: 450 - marzo 
 :: 449 - febbraio 
 :: 448 - gennaio 2018 
 :: 447 - dicembre 
 :: 446 - novembre 
 :: 445 - ottobre 
 :: 444 - settembre 
 :: 443 - giugno 
 :: 442 - maggio 
 :: 441 - aprile 
 :: 440 - marzo 
 :: 439 - febbraio 
 :: 437 - dicembre 
 :: 438 - gennaio 2017 
 :: 436 - novembre 
 :: 435 - ottobre 
 :: 434 - agosto-settembre 
 :: 433 - giugno - luglio 
 :: 432 - maggio 
 :: 431 - aprile 
 :: 430 - marzo 
 :: 429 - febbraio 
 :: 428 - gennaio 2016 
 :: 427 - dicembre 
 :: 426 - novembre 
 :: 425 - ottobre 
 :: 424 - settembre 
 :: 423 - giugno-luglio 
 :: 422 - maggio 
 :: 421 - aprile 
 :: 420 - marzo 
 :: 419 - febbraio 
 :: 418 - gennaio 2015 
 :: 417 - dicembre 
 :: 416 - novembre 
 :: 415 - ottobre 
 :: 414 - settembre 
 :: 413 - giugno 
 :: 412 - maggio 
 :: 411 - aprile 
 :: 410 - marzo 
 :: 409 - febbraio 
 :: 408 - gennaio 2014 
 :: 407 - dicembre 
 :: 406 - novembre 
 :: 405 - ottobre 
 :: 404 - settembre 
 :: 403 - giugno - luglio 
 :: 402 - maggio 
 :: 401 - aprile 
 :: 400 - marzo 
 :: 399 - febbraio 
 :: 398 - gennaio 2013 
 :: 396 - novembre 
 :: 397 - dicembre 
 :: 395 - ottobre 
 :: 394 - settembre 
 :: 393 - giugno - luglio 
 :: 392 - maggio 
 :: 391 - aprile 
 :: 390 - marzo 
 :: 389 - febbraio 
 :: 388 - gennaio 2012 
 :: 387 - dicembre 
 :: 386 - novembre 
 :: 385 - ottobre 
 :: 384 - settembre 
 :: 382 - maggio 
 :: 383 - giugno-luglio 
 :: 381 - aprile 
 :: 380 - marzo 
 :: 379 - febbraio 
 :: 378 - gennaio 2011 
 :: 377 - dicembre 
 :: 374 - settembre 
 :: 375 - ottobre 
 :: 376 - novembre 
 :: 370 - marzo 
 :: 371 - aprile 
 :: 373 - luglio 
 :: 372 - maggio-giugno 
 :: 369 - febbraio 
 :: 368 - gennaio 2010 
 :: 367 - dicembre  
 :: 366 - novembre 
 :: 365 - ottobre 
 :: 364 - agosto 
 :: 363 - giugno - luglio 
 :: 362 - maggio 
 :: 361 - aprile  
 :: 360 - marzo 
 :: 359 - febbraio 
 :: 358 - gennaio 2009 
 :: 357 - dicembre 
 :: 356 - novembre 
 :: 355 - ottobre  
 :: 354 - settembre 
 :: 353 - giugno 
 :: 352 - maggio 
 :: 351 - aprile 
 :: 350 - marzo 
 :: 349 - febbraio 
 :: 348 - gennaio 2008 
 :: 347 - dicembre  
 :: 346 - novembre 
 :: 345 - ottobre 
 :: 344 - settembre 
 :: 343 - luglio/agosto 
 :: 342 - giugno 
 :: 341 – aprile/maggio 
 :: 340 - marzo 
 :: 339 - febbraio 
 :: 338 - gennaio 2007 
 :: 337 - dicembre 
 :: 336 - novembre 
 :: 335 - ottobre 
 :: 334 - settembre 
 :: 333 - giugno/luglio 
 :: 332 - maggio 
 :: 331 - aprile 
 :: 330 - marzo 
 :: 329 - febbraio 
 :: 328 - gennaio 2006 

copyright © 2005 il foglio - ideazione e realizzazione delfino maria rosso - powered by fullxml