il foglio 
Mappa | 28 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

  menu
 ::  editoriali
 ::  bibbia
 ::  chiesa
 ::  documenti
 ::  etica
 ::  filosofia
 ::  il foglio-lettere
 ::  mondo
 ::  pace-nonviolenza
 ::  poesia
 ::  politica
 ::  recensioni
 ::  scienza
 ::  società
 ::  storia
 ::  teologia
 ::  zibaldone
 :: home
 :: indici analitici
 :: solo online

 Ricerca
  

 in libreria

Enrico Peyretti

Il diritto di non uccidere

IL MARGINE


Conversazioni di

Giuseppe Barbaglio e

Aldo Bodrato

QUALE STORIA A  PARTIRE DA GESU'?

ESODO Sevitium


Aldo Bodrato

L'avventura della Parola

Affatà Editrice


Enrico Peyretti

Dialoghi con Nortberto Bobbio 

Claudiana


Enrico Peyretti

Il bene della pace. La via della nonviolenza

Cittadella


Enrico Peyretti

Elogio della gratitudine

Cittadella


  storia
 487 - Ancora 27 gennaio, tra Stolpersteine e archivi familiari

 

Il passo randagio e le spalle oppresse

 

Alcuni allievi della scuola elementare accarezzano affettuosamente la pietra d'inciampo che, tra poco, sarà fissata nel marciapiede.

Abitava qui in Piazza Statuto, aveva 24 anni e lavorava in una salumeria che confezionava salami d'oca. Apparteneva alla comunità ebraica. Claudio Pescarolo, classe 1920, arrestato in strada, forse per delazione il 22 giugno del 1944, deportato ad Auschwitz, non è più tornato. Quelle carezze sulla fredda targa di ottone gli restituiscono un po' di umanità negata e soprattutto ne fanno memoria. Da numero anonimo, Claudio Pescarolo torna ad essere persona: un nome, un cognome , una casa in cui ha abitato. Grande merito dell'iniziativa dell'artista tedesco Günter Demnig è quello di fare a ritroso il percorso dei nazisti, le cui vittime erano ridotte da persone a Stücke, pezzi numerati. In Europa sono ormai più di 90.000 le Stolpersteine, a Torino oltre 150. Ogni anno se ne aggiungono alcune, talora di vittime di cui si era persa memoria, anche tra i parenti, col passare delle generazioni. L'importanza della scuola, la sensibilità dei docenti e la conoscenza della storia risultano essenziali nel mantenere vivo il ricordo. Non sempre accade. Parafrasando R. Musil: «Se uno viene cancellato dalla schiera dei mortali, non entra subito al suo posto un altro, per far dimenticare il defunto, ma resta un vuoto dov’egli manca…».

 

Prosperità, disgrazia, morte

C’è un’altra strada per riandare al passato tragico della deportazione e dello sterminio. Ed è quella degli archivi fotografici famigliari. Ben Torah, nome di antichi ebrei spagnoli, gli studiosi, i figli della legge, in italiano diventa Ventura. Ed è della famiglia Ventura che Paolo Ciampi ricostruisce la memoria dal 1927 al 1945, nei quattro capitoli del libro Una famiglia (Giuntina 2010).

Anna Terracina e Luigi Ventura si sposano a Roma, il 22 maggio 1927. Sono una bella coppia. «Di quella bellezza che emerge dalla pulizia e dalle speranze di un’età ancora acerba». Lui, pisano è laureato in chimica, lei di famiglia romana, è maestra d’infanzia. Famiglie di ebrei profondamente italiani. Il padre di Luigi ha parenti che si chiamano «Palermo, Milano, Torino ed Emilia in omaggio al Risorgimento». Famiglie benestanti, non a caso il primo capitolo è intitolato Prosperità. Il fascismo è all’anno V e Luigi ci ha creduto da subito, si è iscritto e ha partecipato alla “marcia su Roma”. Del resto in quel frangente di ebrei ce n’erano 350 e tra i “martiri fascisti” della prima ora, morti ammazzati, tre erano ebrei. Ma la speranza che Mussolini rimettesse in sesto l’Italia dura poco, arriva il disincanto e una certa indifferenza. La sua attenzione piuttosto è attratta da quel che accade in quegli anni in Palestina.

La carriera di Luigi procede con diversi datori di lavoro e nascono Miriam e Saul. L’entrata in vigore delle leggi razziali trova Luigi alto dirigente della Zecca di Stato. Licenziato in tronco il 10 novembre 1938. È l’inizio del piano inclinato verso l’abisso, il primo passo della discesa agli inferi. Si pensa all’estero. In Svizzera ha amici, ma non conclude nulla. In Francia ha altri amici. Luigi parte per Parigi dove riesce a trovare un buon posto in un’industria automobilistica. Cerca casa per l’arrivo della famiglia. Intanto sono nati Daniele ed Emanuele, ma l’Italia aggredisce la Francia e Luigi resta coinvolto nel caotico esodo da Parigi dovuto all’occupazione tedesca. Come nel grande affresco di Irène Némirovski, in Temporale di giugno, anche Luigi Ventura, con grande fatica e con i mezzi più diversi riesce a tornare in Italia. Disgrazia è il secondo capitolo. Si stabiliscono a Milano, dove avevano abitato in tempi felici, fino ai grandi bombardamenti dell’autunno 1942, quando sfolleranno verso il comasco. Ma il cerchio si stringe. La costituzione della Repubblica Sociale li coglie in Lombardia, ormai quasi in povertà. Saul fa il garzone di un falegname e poi di un calzolaio. La Carta di Verona è chiara: «Gli appartenenti alla razza ebraica sono stranieri, durante questa guerra appartengono a nazionalità nemica». Il 30 novembre 1943 i prefetti ricevono l’ordine che prevede l’internamento di tutti gli ebrei. Casualmente il giorno successivo Anna rientra nella casa di Milano per prendere alcune medicine per curare la madre. Due carabinieri l’arrestano. San Vittore, Fossoli, Auschwitz (con lo stesso treno che trasporta Primo Levi e i suoi amici). Non tornerà. Fino a quando potrà scrivere ai suoi, cercherà di rassicurarli e incoraggiarli con parole affettuose e struggenti: «Carissimi, salute ottima, morale altissimo». Queste le sue ultime parole, vergate su una cartolina, che una mano pietosa raccolse lungo i binari e spedì da Ponte Gardena.

A Pisa l’ospedale è quasi privo di medicine e Luigi si offre di fare la spola con Milano per portare qualche rifornimento, lo accompagna il figlio Saul. Sono viaggi pericolosi e lenti. I treni sono pieni di soldati italiani e tedeschi, i controlli frequenti e le valigie pesantissime. Il 20 maggio 1944 la ferrovia è interrotta, una corriera la sostituisce. Bersaglio ideale per il mitragliamento a bassa quota di un aereo alleato. Luigi è ferito, ma, sembra, non gravemente ed è ricoverato a Pisa. Muore invece nella notte. Aveva 44 anni. Morte è il titolo del terzo capitolo.

Sono rimasti i ragazzi. Miriam 16 anni, Saul 14, Daniele 7 e Emanuele 4: senza genitori, affamati, senza una casa, braccati dai volonterosi carnefici di Hitler. Come le figlie della Nemirovski, nascoste nelle grotte vicino a Bordeaux.

 

Rinascita

Ridotti allo stremo, i quattro orfani tra code al mercato per raccogliere qualche avanzo e al convento per una ciotola di minestra, vivono nel pericolo continuo di essere riconosciuti e Miriam trova pure il tempo di fare la staffetta partigiana, distribuendo i volantini che riportano i comunicati di radio Londra. Giunge infine il 2 settembre 1944, giorno in cui la prima pattuglia americana entra a Pisa.

Mancano ancora 8 mesi alla fine della guerra, ma Miriam e i suoi fratelli pensano già alla Rinascita (quarto e ultimo capitolo) che ha un nome, Palestina. Si spostano a Firenze, dove lavorano con varie organizzazioni ebraiche e si preparano ad emigrare. Un viaggio in treno li porterà nel 1945 a Brindisi per l’imbarco. Lasciano una patria che avevano amato e che li aveva rinnegati, emarginati, uccisi. Possiamo immaginare e guardare con profondo rispetto e ammirazione allo spirito che spingeva questi ragazzi, precocemente maturi, verso la “terra promessa”. Daranno luogo a numerosa progenie, alcuni torneranno a rivedere l’Italia, altri no.

Ma anche in queste vicende la storia è andata in una diversa direzione. «Abbiamo amato in loro la memoria del dolore, la fragilità, il passo randagio e le spalle oppresse dagli spaventi», diceva Natalia Ginzburg parlando dei sopravvissuti allo sterminio («La Stampa», 14.9.1972) e aggiungeva: «Non eravamo affatto preparati a vederli diventare una nazione potente, aggressiva e vendicativa. Speravamo che sarebbero stati un piccolo Paese, inerme, raccolto, che ciascuno di loro conservasse la propria fisionomia gracile, amara, riflessiva e solitaria».

Pier Luigi Quaregna

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 il foglio
 ::  presentazione
 ::  redazione
 ::  abbonamento
 ::  contatti
 ::  link
 :: archivio storico [parziale]

 avviso agli abbonati

Ci risulta che alcuni abbonati non ricevono a tempo debito, o non del tutto, la copia del nostro periodico. Ce ne scusiamo precisando che tale situazione non dipende da un nostro difetto bensì dal disservizio delle Poste.


 web partner

gli anni di carta

 Il Corriere di Tunisi

Aldo Bodrato

Enrico Peyretti

Delfino M. Rosso

 


 Numeri recenti
 :: 491 - Narrativa antimilitarista 
 :: 489 - Russia e Ucraina tra pittura, cinema, storia e attualità 
 :: 487 - Ancora 27 gennaio, tra Stolpersteine e archivi familiari 
 :: 482 - In ricordo di Alex Langer e Jovan Divjak 
 :: 478 - Tra arte e storia a 150 anni dalla Comune di Parigi 
 :: 467 - DISCUSSIONE SUL COMUNISMO 
 :: 466 - Trent'anni fa 
 :: 465 - Germania, il passato che non passa 
 :: 461 - Elezioni europee 
 :: 459 - 27 gennaio: «la rete delle due religioni» e una tipografia ad Assisi 
 :: 459 - In memoria di un Beato 
 :: 458 - 4 novembre 1918 ‒ 2018 
 :: 456 - A proposito di Spartaco, e dell'«altra Italia» 
 :: 455 - Due benemeriti dimenticati: Torri e Gentili 
 :: 454 - Interpretazioni e soluzioni diverse della crisi 
 :: 451 - Esercizio di memoria per il 25 aprile 
 :: 452 - Antiretorica della Seconda guerra mondiale 
 :: 453 - Chi sia l’ebreo lo sa soltanto il persecutore 
 :: 450 - Il negazionismo divenuto legge a Varsavia 
 :: 450 - Un salto indietro di settant'anni 
 :: 448 - 27 gennaio, una mostra (già chiusa) per non dimenticare 
 :: 447 - A spasso per la Turingia 
 :: 445 - Torino 1917 
 :: 440 - La storia di due fratelli ribelli 
 :: 438 - Tra mito, archeologia e attualità politica 
 :: 434 - Sessant'anni fa 
 :: 433 - ITALIANI D’ALBANIA, UNA STORIA POCO CONOSCIUTA / 3 
 :: 433 - PAROLA DETTA VS PAROLA SCRITTA 
 :: 432 - ITALIANI D’ALBANIA, UNA STORIA POCO CONOSCIUTA / 2 
 :: 432 - Un tentativo di storia europea 
 :: 431 - UNA STORIA POCO CONOSCIUTA / 1 
 :: 429 - A 70 ANNI DALL’ATOMICA IN GIAPPONE 
 :: 423 - LETTERE DAL FRONTE 
 :: 422 - Un destino difficile 
 :: 423 - La disputa tra autenticisti e negazionisti 
 :: 422 - A 100 ANNI DALL’INGRESSO NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE 
 :: 421 - 1943-1945 
 :: 412 - Due domenicani: Girotti e Giuliani 
 :: 411 - GUARDIAMO AI FATTI, ANCHE SE SCOMODI 
 :: 410 - Il contesto internazionale 
 :: 410 - il foglio e gli «anni spezzati» del terrorismo 
 :: 396 - Sacco e Vanzetti a 85 anni dalla morte / 1 
 :: 397 - Sacco e Vanzetti a 85 anni dalla morte / 2 
 :: 391 - La tragedia del comunismo / 2 
 :: 390 - La tragedia del comunismo / 1 
 :: 384 - Diventare italiani 
 :: 382 - ATTREZZI E SPERANZE: CHE COSA RESTA DI UN SECOLO 
 :: 383 - Storia dimenticata di un protagonista del Risorgimento 
 :: 381 - L’esperienza «democratica» degli Escartoun 
 :: 380 - Italia centocinquanta / 4: Dell’elmo chiodato s’è cinta la testa 
 :: 379 - Italia Centocinquanta / 3 
 :: 378 - Italia Centocinquanta / 2: gloriosi massacri 
 :: 377 - Italia centocinquanta: le guerre del 1848-49 
 :: 375 - CENTOCINQUANTENARIO A RISCHIO DI RETORICA 
 :: 376 - "Cuore" e "Pinocchio", non solo libri per ragazzi 
 :: 362 - 25 APRILE, STORIE DA NON DIMENTICARE 
 :: 358 - 27 gennaio, Giorno della memoria 
 :: 356 - ANTROPOLOGIA POLITICA 
 :: 356 - PATRIA E BUONA FEDE 
 :: 355 - CAMBIARE SE STESSI E IL MONDO A 20 ANNI 
 :: 354 - CAMBOGIA 1975-78 
 :: 348 - 1948-2008, I 60 ANNI DELLA COSTITUZIONE 
 :: 346 - LA RIVOLUZIONE CULTURALE CINESE 
 :: 340 - Un convegno su padre Pellegrino 
 :: 340 - SUL DISCORSO DI NAPOLITANO 
 :: 335 - L’ALTRA STORIA 
 :: 330 - L’ALTRA STORIA/1 
 :: 331 - L’ALTRA STORIA/2 

copyright © 2005 il foglio - ideazione e realizzazione delfino maria rosso - powered by fullxml