il foglio 
Mappa | 32 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

  menu
 ::  editoriali
 ::  bibbia
 ::  chiesa
 ::  documenti
 ::  etica
 ::  filosofia
 ::  lettere
 ::  mondo
 ::  pace-nonviolenza
 ::  poesia
 ::  politica
 ::  recensioni
 ::  scienza
 ::  società
 ::  storia
 ::  teologia
 ::  zibaldone
 :: home
 :: indici analitici
 :: solo online

 Ricerca
  

 in libreria

Enrico Peyretti

Il diritto di non uccidere

IL MARGINE


Conversazioni di

Giuseppe Barbaglio e

Aldo Bodrato

QUALE STORIA A  PARTIRE DA GESU'?

ESODO Sevitium


Aldo Bodrato

L'avventura della Parola

Affatà Editrice


Enrico Peyretti

Dialoghi con Nortberto Bobbio 

Claudiana


Enrico Peyretti

Il bene della pace. La via della nonviolenza

Cittadella


Enrico Peyretti

Elogio della gratitudine

Cittadella


  storia
 356 - PATRIA E BUONA FEDE

 

ALTRO CHE MEMORIA CONDIVISA...

 

Mentre il presidente della Repubblica ricorda i soldati italiani che dopo l’8 settembre rifiutarono l’adesione a Salò e furono internati in Germania, nella stessa manifestazione il ministro della difesa dichiara che anche i combattenti della Repubblica fascista vanno onorati perché «pensavano in buona fede di difendere la patria».

 Urgono chiarimenti: sull’idea di patria, anzitutto. Scriveva Piero Calamandrei poco tempo dopo la caduta del regime: «la sensazione provata in questi giorni si può riassumere, senza retorica, in questa frase: si è ritrovata la patria…» (la patria degli uomini liberi nasce quando muore la patria dei nazionalisti). E Carlo Azeglio Ciampi, nel messaggio di capodanno del 2001, concludeva: «si avverte negli italiani un desiderio di patriottismo che, per fortuna, si accompagna anche alla consapevolezza  di appartenere alla più grande patria europea…. Questa riscoperta può essere una risorsa importante per la coscienza civile della classe dirigente e dei cittadini, se sapremo dare alle parole patria e amor della patria il loro significato migliore».

È la patria che ha come valori fondanti la Costituzione, la Resistenza e l’Europa che già Carlo Rosselli e altri fuorusciti preconizzavano negli anni ’30, quella che non si misura a frontiere e cannoni, ma coincide col nostro mondo morale e con la patria di tutti gli uomini liberi, guarda agli altri popoli come popoli di uguale dignità con i quali operare per il bene dell’umanità’, per affermare i valori della libertà, giustizia, cultura, lavoro.

C’è poi una patria, antitetica a questa, e che ha contribuito non poco al discredito della stessa di idea di patria in Italia: quella che si incarna nello Stato «in quanto promotore della guerra, che genera le nazioni» (Dizionario di politica del partito fascista, 1940), quella che è «volontà di potenza, attaccamento alla nazione, alla razza, difesa della propria razza» (Alfredo Rocco), «sviluppo crescente delle qualità della razza per una vittoria progressiva sulle razze rivali» (F. T. Marinetti).

 

Assediati dal revisionismo

Un contributo di grande chiarezza e approfondimento su questi temi è stato dato dallo storico Maurizio Viroli, con il suo testo Per amore della patria apparso nel lontano 1995 (e più volte ripreso in articoli e rubriche su «La Stampa» negli anni dal 2001 al 2005), il quale afferma che «il patriottismo non autorizza, né impone di giustificare i vizi o le colpe della patria, così come l’amore di una madre o di un padre per i figli non permette di attenuare le loro colpe. Molti credono ancora che essere patrioti vuol dire giustificare, assolvere o far finta di non vedere il male che noi italiani abbiamo fatto a noi stessi e ad altri popoli» («La Stampa», 14 settembre 2003). È proprio quello che sta accadendo con le interpretazioni revisioniste e riduzioniste del ventennio, si veda (ultima di una lunga serie) la recente uscita del sindaco di Roma su fascismo e leggi razziali.

Anche sul concetto di buona fede c’è poi da ridire. Sentiamo un testimone, Mario Fazio (nato nel 1924): «Il 18 settembre ’43 da Radio Monaco Mussolini, con voce stanca e quasi irriconoscibile, proclama la nascita della repubblica fascista … ma già il 12 un editto del maresciallo Kesselring aveva chiarito: “Tutto il territorio italiano da noi occupato è territorio di guerra e sottoposto alle leggi di guerra germaniche”. Dunque i ragazzi che sceglievano Salò non si arruolavano in un esercito autonomo, destinato a far “rinascere la patria” e a riscattare l’onore perduto, ma in un esercito fantoccio sotto le leggi militari germaniche, agli ordini degli occupanti [che nel frattempo un pezzo di patria l’avevano direttamente annesso al Reich: Trentino-Alto Adige e Adria Küstenland, cioè la provincia di Belluno e tutto il Friuli]. Pur giovanissimi – continua questa testimonianza accorata – non eravamo tutti così sprovveduti da credere che scegliendo Salò si contribuisse a far “rinascere la patria”. Occorreva un forte residuo di misticismo nazifascista per arruolarsi a fianco delle SS in un’armata alle dipendenze di Hitler. Dopo la chiamata alle armi, tentai la fuga in Svizzera e venni respinto. Tornai ad Alassio e scelsi la clandestinità passiva. Non ebbi la forza di salire in montagna e me ne rammarico da 60 anni. “Scelta comoda e vile”, ha scritto un ex ragazzo di Salò. Fu invece una scelta secondo coscienza, che comportava rischi gravissimi, minimo la deportazione, ma i renitenti rischiavano anche la fucilazione. C’era chi faceva la spia per incassare le 5 mila lire e i 5 chili di sale promesso dai fascisti, come per chi denunciava un ebreo» (M. Fazio, La cosa giusta, «La Stampa», 14 settembre 2003).

Insomma: l’unica possibile memoria condivisa resta il riconoscersi nella Costituzione repubblicana, e giudicare il passato alla luce dei suoi valori. «Purtroppo non tutti lo fanno», ha detto recentemente, con amarezza, il capo dello Stato.

 

Pier Luigi Quaregna

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 il foglio
 ::  presentazione
 ::  redazione
 ::  abbonamento
 ::  contatti
 ::  link
 :: archivio storico [parziale]

 avviso agli abbonati

Ci risulta che alcuni abbonati non ricevono a tempo debito, o non del tutto, la copia del nostro periodico. Ce ne scusiamo precisando che tale situazione non dipende da un nostro difetto bensì dal disservizio delle Poste.


 web partner

gli anni di carta

 Il Corriere di Tunisi

Aldo Bodrato

Enrico Peyretti

Delfino M. Rosso

 


 Numeri recenti
 :: 456 - A proposito di Spartaco, e dell'«altra Italia» 
 :: 455 - Due benemeriti dimenticati: Torri e Gentili 
 :: 454 - Interpretazioni e soluzioni diverse della crisi 
 :: 451 - Esercizio di memoria per il 25 aprile 
 :: 452 - Antiretorica della Seconda guerra mondiale 
 :: 453 - Chi sia l’ebreo lo sa soltanto il persecutore 
 :: 450 - Il negazionismo divenuto legge a Varsavia 
 :: 450 - Un salto indietro di settant'anni 
 :: 448 - 27 gennaio, una mostra (già chiusa) per non dimenticare 
 :: 447 - A spasso per la Turingia 
 :: 445 - Torino 1917 
 :: 440 - La storia di due fratelli ribelli 
 :: 438 - Tra mito, archeologia e attualità politica 
 :: 434 - Sessant'anni fa 
 :: 433 - ITALIANI D’ALBANIA, UNA STORIA POCO CONOSCIUTA / 3 
 :: 433 - PAROLA DETTA VS PAROLA SCRITTA 
 :: 432 - ITALIANI D’ALBANIA, UNA STORIA POCO CONOSCIUTA / 2 
 :: 432 - Un tentativo di storia europea 
 :: 431 - UNA STORIA POCO CONOSCIUTA / 1 
 :: 429 - A 70 ANNI DALL’ATOMICA IN GIAPPONE 
 :: 423 - LETTERE DAL FRONTE 
 :: 422 - Un destino difficile 
 :: 423 - La disputa tra autenticisti e negazionisti 
 :: 422 - A 100 ANNI DALL’INGRESSO NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE 
 :: 421 - 1943-1945 
 :: 412 - Due domenicani: Girotti e Giuliani 
 :: 411 - GUARDIAMO AI FATTI, ANCHE SE SCOMODI 
 :: 410 - Il contesto internazionale 
 :: 410 - il foglio e gli «anni spezzati» del terrorismo 
 :: 396 - Sacco e Vanzetti a 85 anni dalla morte / 1 
 :: 397 - Sacco e Vanzetti a 85 anni dalla morte / 2 
 :: 391 - La tragedia del comunismo / 2 
 :: 390 - La tragedia del comunismo / 1 
 :: 384 - Diventare italiani 
 :: 382 - ATTREZZI E SPERANZE: CHE COSA RESTA DI UN SECOLO 
 :: 383 - Storia dimenticata di un protagonista del Risorgimento 
 :: 381 - L’esperienza «democratica» degli Escartoun 
 :: 380 - Italia centocinquanta / 4: Dell’elmo chiodato s’è cinta la testa 
 :: 379 - Italia Centocinquanta / 3 
 :: 378 - Italia Centocinquanta / 2: gloriosi massacri 
 :: 377 - Italia centocinquanta: le guerre del 1848-49 
 :: 375 - CENTOCINQUANTENARIO A RISCHIO DI RETORICA 
 :: 376 - "Cuore" e "Pinocchio", non solo libri per ragazzi 
 :: 362 - 25 APRILE, STORIE DA NON DIMENTICARE 
 :: 358 - 27 gennaio, Giorno della memoria 
 :: 356 - ANTROPOLOGIA POLITICA 
 :: 356 - PATRIA E BUONA FEDE 
 :: 355 - CAMBIARE SE STESSI E IL MONDO A 20 ANNI 
 :: 354 - CAMBOGIA 1975-78 
 :: 348 - 1948-2008, I 60 ANNI DELLA COSTITUZIONE 
 :: 346 - LA RIVOLUZIONE CULTURALE CINESE 
 :: 340 - Un convegno su padre Pellegrino 
 :: 340 - SUL DISCORSO DI NAPOLITANO 
 :: 335 - L’ALTRA STORIA 
 :: 330 - L’ALTRA STORIA/1 
 :: 331 - L’ALTRA STORIA/2 

copyright © 2005 il foglio - ideazione e realizzazione delfino maria rosso - powered by fullxml