il foglio 
Mappa | 23 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

  menu
 ::  editoriali
 ::  bibbia
 ::  chiesa
 ::  documenti
 ::  etica
 ::  filosofia
 ::  lettere
 ::  mondo
 ::  pace-nonviolenza
 ::  poesia
 ::  politica
 ::  recensioni
 ::  scienza
 ::  società
 ::  storia
 ::  teologia
 ::  zibaldone
 :: home
 :: indici analitici
 :: solo online

 Ricerca
  

 in libreria

Enrico Peyretti

Il diritto di non uccidere

IL MARGINE


Conversazioni di

Giuseppe Barbaglio e

Aldo Bodrato

QUALE STORIA A  PARTIRE DA GESU'?

ESODO Sevitium


Aldo Bodrato

L'avventura della Parola

Affatà Editrice


Enrico Peyretti

Dialoghi con Nortberto Bobbio 

Claudiana


Enrico Peyretti

Il bene della pace. La via della nonviolenza

Cittadella


Enrico Peyretti

Elogio della gratitudine

Cittadella


  storia
 362 - 25 APRILE, STORIE DA NON DIMENTICARE

 

UNA «ROSA BIANCA» A TORINO

 

Ottobre 1940: la guerra aggressiva dell’Italia, proclamata a giugno, non ha ancora intaccato il consenso generale per il fascismo, l’illusione è che sarà breve e vittoriosa. La Francia è occupata, l’Inghilterra seriamente a rischio di uno sbarco tedesco, le armate di Hitler dilagano in tutta Europa, l’intervento degli Usa lontano e incerto. Mussolini attende il migliaio di morti per sedersi al tavolo della pace e, dopo l’inizio poco brillante della pugnalata alla schiena inferta sul fronte occidentale, attua l’invasione dell’Albania e della Grecia, confondendo, si dice, sulle carte geografiche i fiumi con le strade.

 

Quando regime che mandava in villeggiatura gli avversari

Eppure… nelle case di un certo numero di torinesi giungono per posta lettere di questo tenore: «Italiani! È ora di ribellarsi contro i tiranni e i ladri fascisti servi della Germania… Dobbiamo unirci ed agire per cacciare i carnefici dell’umanità. Viva la libertà. Morte al fascismo!». Gli stessi concetti si trovano in manifesti affissi all’ingresso delle fabbriche o infilati sotto le serrande degli eleganti negozi di Via Roma e, ridotti a slogan, scritti di notte sui muri e sui parapetti dei ponti. L’attività cospirativa durò fino al 1942, quando l’Ovra, la polizia politica, tenuta in scacco per oltre un anno, riuscì ad arrestare, per una banale leggerezza di uno di loro, tutti i dirigenti del gruppo.

Erano alcuni studenti dell’Istituto Sommeiller (in cui insegnavano antifascisti come la prof. Costanza Costantino e il prof. Luigi Negri), poi universitari ad economia, guidati da Aldo Pedussia: qualche storico ha paragonato la loro esperienza a quella della Rosa Bianca di Monaco, iniziata però più tardi, nel giugno 1942. Altri studiosi ne parlano come del Muat (movimento universitario antifascista torinese). Scrive Pedussia riferendosi ad un suo breve saggio elaborato nell’estate del 1940 che pone le basi teoriche per il passaggio all’azione nei mesi successivi: «(esaminavo) le profonde colpevolezze del sistema sotto l’aspetto politico (dittatura), le assurdità economiche (autarchia) e… (vaticinavo) che la fazione dominante avrebbe riservato all’Italia… un domani assai triste di distruzioni morali e materiali» (Walter E. Crivellin, Cattolici, politica e società in Piemonte tra 800 e 900, Torino, 2008). Il gruppo giunge a comprendere venti persone e si costituisce un direttivo composto dallo stesso Pedussia con Furio Cipriani, Marziano Dasso, Lorenzo Zurletti e Domenico Ballarino. Senza alcun collegamento con partiti e movimenti antifascisti, anche se la polizia li riteneva affiliati ai fiorentini di Giustizia e Libertà, erano mossi da ideali e da un profondo imperativo morale più che da un preciso disegno politico e «data la giovane età – è ancora Pedussia che parla – forse ascoltando più il sentimento che la ragione». Pur nella varietà delle loro ispirazioni, prevalevano un certo patriottismo mazziniano, aperto all’Europa, il cattolicesimo liberale, la formazione filosofica e storica attinta da Croce e la riflessione sull’azione politica dei popolari di Sturzo. Arrestati il 17 e il 18 gennaio 1942 sono reclusi alle Nuove di Torino, poi a Regina Coeli e a Castelfranco Emilia. Processati davanti al tribunale speciale di Roma, Pedussia e Ballarino furono condannati a 14 anni, gli altri a pene minori. Scarcerati alla caduta del fascismo nel luglio 1943, furono pienamente riabilitati, dopo la Liberazione, dalla Corte d’Appello di Torino che li assolse perché i fatti non costituivano reato.

Aldo Pedussia partecipò poi alla Resistenza, come referente politico nella zona di Carmagnola e Alba, sempre braccato dai fascisti repubblichini, che gli avevano appioppato l’appellativo di «famigerato», e spesso fortunosamente sfuggendo alla cattura che lo avrebbe sicuramente portato nel lager. Per la sua attività gli fu conferita l’onorificenza di Cavaliere al merito interalleato. Nel primo dopoguerra è stato con Ennio Pistoi tra i più alti dirigenti della Democrazia Cristiana a Torino, protagonista come responsabile stampa e propaganda dello scontro elettorale con le sinistre del 18 aprile 1948. E non dimenticando gli ideali mazziniani, si distinse anche nel Movimento Federalista Europeo con incarichi di livello internazionale. Successivamente si allontanò dall’impegno politico diretto e, come Ennio Pistoi, recentemente scomparso, si dedicò all’attività professionale (divenne, esclusivamente per competenza e merito, direttore generale dell’Acquedotto di Torino, azienda premiata nel 1965 con l’Oscar per il miglior bilancio nel settore pubblico), all’insegnamento universitario e alla ricerca scientifica. All’inizio del 1985 l’allora sindaco Diego Novelli, gli conferiva il «sigillo civico», massima onorificenza della città di Torino, certo con riferimento ai suoi meriti professionali e al suo servizio alla città, ma forse ricordando la dedica che Valdo Fusi (sfuggito alla condanna a morte nell’aprile del ‘44) volle scrivere su una delle prime copie del suo libro Fiori rossi al Martinetto: «Al mio Aldo Pedussia che indicò la strada ai partigiani, con ammirazione».

 

Quelli che «non si arresero»

In un tempo in cui molti tornano a parlare di patria con toni tronfi o ambigui (e chissà cosa ci aspetta per i 150 anni dell’unità italiana) è giusto dire che a quei giovani indomiti di settant’anni fa, spetta, senza riserve, di definirsi patrioti. È doveroso ricordare, in occasione del 25 aprile, queste storie locali ma non minori, che rischiano progressivamente l’oblio, per un debito morale verso chi seppe, con assoluta preveggenza, essere coraggioso e coerente, verso coloro che «non si arresero» al conformismo e che, rischiando di persona, non piegarono la schiena. Anche l’attuale presidente della Camera (terza carica dello Stato) ha parlato con reverenza al congresso di scioglimento di An, lo scorso 22 marzo, di coloro che «non si arresero»; si riferiva, però, ai fondatori nel dicembre 1946 del Movimento Sociale Italiano formato dagli «irriducibili» della repubblica di Salò. Evidentemente quelli che «non si arresero» alla vittoria dei partigiani e degli alleati, alla democrazia, ai valori poi calati nella Costituzione del 1948. Può darsi che gli impegni istituzionali impediscano di ripassare la storia e allora è bene ricordare all’on. Fini, che in questi mesi pur si è distinto per apprezzabili e non conformiste prese di posizione, cosa sarebbe accaduto se avessero vinto coloro che, lui sostiene, «non si arresero». Ce lo dice Primo Levi, in un articolo scritto per il ventennale della Resistenza («Rivista Stipel», Torino 1965): «Solo adesso è possibile... comprendere quale sarebbe stato il destino della nostra civiltà se l’hitlerismo avesse prevalso… un mondo mostruoso… bipartito, di signori e di servi: di signori al di sopra di ogni legge (Herrenvolk), di servi privi di ogni diritto, sottoposti ad ogni arbitrio, condannati ad una esistenza di lavoro estenuante, di ignoranza, di clausura e di fame». E ancora («Corriere della sera» 8/3/74): «Sarebbe stata la realizzazione piena del fascismo, del suo ordine, della sua gerarchia: la consacrazione del privilegio, della non-uguaglianza, della non-libertà… uno sterminato gregge di schiavi, dall’Atlantico agli Urali, a lavorare e ubbidire».

Pier Luigi Quaregna

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 il foglio
 ::  presentazione
 ::  redazione
 ::  abbonamento
 ::  contatti
 ::  link
 :: archivio storico [parziale]

 avviso agli abbonati

Ci risulta che alcuni abbonati non ricevono a tempo debito, o non del tutto, la copia del nostro periodico. Ce ne scusiamo precisando che tale situazione non dipende da un nostro difetto bensì dal disservizio delle Poste.


 web partner

gli anni di carta

 Il Corriere di Tunisi

Aldo Bodrato

Enrico Peyretti

Delfino M. Rosso

 


 Numeri recenti
 :: 456 - A proposito di Spartaco, e dell'«altra Italia» 
 :: 455 - Due benemeriti dimenticati: Torri e Gentili 
 :: 454 - Interpretazioni e soluzioni diverse della crisi 
 :: 451 - Esercizio di memoria per il 25 aprile 
 :: 452 - Antiretorica della Seconda guerra mondiale 
 :: 453 - Chi sia l’ebreo lo sa soltanto il persecutore 
 :: 450 - Il negazionismo divenuto legge a Varsavia 
 :: 450 - Un salto indietro di settant'anni 
 :: 448 - 27 gennaio, una mostra (già chiusa) per non dimenticare 
 :: 447 - A spasso per la Turingia 
 :: 445 - Torino 1917 
 :: 440 - La storia di due fratelli ribelli 
 :: 438 - Tra mito, archeologia e attualità politica 
 :: 434 - Sessant'anni fa 
 :: 433 - ITALIANI D’ALBANIA, UNA STORIA POCO CONOSCIUTA / 3 
 :: 433 - PAROLA DETTA VS PAROLA SCRITTA 
 :: 432 - ITALIANI D’ALBANIA, UNA STORIA POCO CONOSCIUTA / 2 
 :: 432 - Un tentativo di storia europea 
 :: 431 - UNA STORIA POCO CONOSCIUTA / 1 
 :: 429 - A 70 ANNI DALL’ATOMICA IN GIAPPONE 
 :: 423 - LETTERE DAL FRONTE 
 :: 422 - Un destino difficile 
 :: 423 - La disputa tra autenticisti e negazionisti 
 :: 422 - A 100 ANNI DALL’INGRESSO NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE 
 :: 421 - 1943-1945 
 :: 412 - Due domenicani: Girotti e Giuliani 
 :: 411 - GUARDIAMO AI FATTI, ANCHE SE SCOMODI 
 :: 410 - Il contesto internazionale 
 :: 410 - il foglio e gli «anni spezzati» del terrorismo 
 :: 396 - Sacco e Vanzetti a 85 anni dalla morte / 1 
 :: 397 - Sacco e Vanzetti a 85 anni dalla morte / 2 
 :: 391 - La tragedia del comunismo / 2 
 :: 390 - La tragedia del comunismo / 1 
 :: 384 - Diventare italiani 
 :: 382 - ATTREZZI E SPERANZE: CHE COSA RESTA DI UN SECOLO 
 :: 383 - Storia dimenticata di un protagonista del Risorgimento 
 :: 381 - L’esperienza «democratica» degli Escartoun 
 :: 380 - Italia centocinquanta / 4: Dell’elmo chiodato s’è cinta la testa 
 :: 379 - Italia Centocinquanta / 3 
 :: 378 - Italia Centocinquanta / 2: gloriosi massacri 
 :: 377 - Italia centocinquanta: le guerre del 1848-49 
 :: 375 - CENTOCINQUANTENARIO A RISCHIO DI RETORICA 
 :: 376 - "Cuore" e "Pinocchio", non solo libri per ragazzi 
 :: 362 - 25 APRILE, STORIE DA NON DIMENTICARE 
 :: 358 - 27 gennaio, Giorno della memoria 
 :: 356 - ANTROPOLOGIA POLITICA 
 :: 356 - PATRIA E BUONA FEDE 
 :: 355 - CAMBIARE SE STESSI E IL MONDO A 20 ANNI 
 :: 354 - CAMBOGIA 1975-78 
 :: 348 - 1948-2008, I 60 ANNI DELLA COSTITUZIONE 
 :: 346 - LA RIVOLUZIONE CULTURALE CINESE 
 :: 340 - Un convegno su padre Pellegrino 
 :: 340 - SUL DISCORSO DI NAPOLITANO 
 :: 335 - L’ALTRA STORIA 
 :: 330 - L’ALTRA STORIA/1 
 :: 331 - L’ALTRA STORIA/2 

copyright © 2005 il foglio - ideazione e realizzazione delfino maria rosso - powered by fullxml