il foglio 
Mappa | 47 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

  menu
 ::  editoriali
 ::  bibbia
 ::  chiesa
 ::  documenti
 ::  etica
 ::  filosofia
 ::  lettere
 ::  mondo
 ::  pace-nonviolenza
 ::  poesia
 ::  politica
 ::  recensioni
 ::  scienza
 ::  società
 ::  storia
 ::  teologia
 ::  zibaldone
 :: home
 :: indici analitici
 :: solo online

 Ricerca
  

 in libreria

Enrico Peyretti

Il diritto di non uccidere

IL MARGINE


Conversazioni di

Giuseppe Barbaglio e

Aldo Bodrato

QUALE STORIA A  PARTIRE DA GESU'?

ESODO Sevitium


Aldo Bodrato

L'avventura della Parola

Affatà Editrice


Enrico Peyretti

Dialoghi con Nortberto Bobbio 

Claudiana


Enrico Peyretti

Il bene della pace. La via della nonviolenza

Cittadella


Enrico Peyretti

Elogio della gratitudine

Cittadella


  poesia
 350 - natale 2007

 

natale di un eretico

 

- gesù

da questo natale

non ti riconoscerò

più come dio

esclusivo

 

ma come uno

dei possibili

 

da tempo volevo dirtelo

(anche se

tu lo sapevi già)

e non trovavo le parole

te lo dico oggi

nel giorno in cui celebro

la tua nascita

 

e lo dico

da cristiano per tradizione

così come gli altri

sono ciò che sono

 

non credere

che io sia diventato un malvagio

anzi

io non voglio più

che tu venga crocifisso ogni giorno

da chi parla in nome tuo

 

anche tu

lo vedi

che i conti non tornano

sulla

pretesa unicità

 

cristiani

e cattolici

e protestanti

e luterani

e calvinisti

e valdesi

e copti

e ortodossi

e mormoni

musulmani

e sciiti

e sunniti

e ibaditi

e ismailiti

ebrei

e conservativi

ed esseni

e zeloti

e riformati

e sionisti

si sono scannati

e ci si scanna

su questo dettaglio

 

con il passare degli anni

quanti

insulsi conclavi

ho dovuto vedere

dove repressi pastori

dalle ambigue mani conserte

sempre al maschile

pontificano

sugli errori degli altri

 

da quanti pulpiti

ho dovuto ascoltare

la falsità di chi vive

attraverso i peccati degli altri

 

è venuto per me il tempo

in cui abbandonare

quel vecchio ciarpame

fatto di riti rubati

agli ancestrali millenni

per costruire

chiese

e moschee

e sinagoghe

infischiandosene

della pietra d’angolo

che il muratore ha scartato

per edificare il tempio comune

senza dottori

dove la tua parola

sarà preziosa per l’uomo

e il peccato

sarà nel lasciarla

cadere nel vuoto

 

gesù

figlio di un falegname

granello di senape

come altri

tu

che puoi

vedere il mondo

da dietro le quinte

di qui in avanti

sarò io a cercare

tra le pieghe delle tue parole

una verità

che non troverò mai

 

gesù

signore del cielo e della terra

in questo mondo

stai diventando di giorno in giorno

più fragile

questo mondo

che non ha bisogno

di prediche

ma testimonianza

e tu ne sai qualcosa

 

no

gesù

tu non sarai

per me

un dio qualunque

uno dei tanti

tu sarai

per me

solo e sempre

un dio di nome gesù

 

ora mi sento

più solo profondamente cristiano

 

perché miscredente –

  

Delfino Maria Rosso

 

 

Torino - Natale 2007

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 il foglio
 ::  presentazione
 ::  redazione
 ::  abbonamento
 ::  contatti
 ::  link
 :: archivio storico [parziale]

 avviso agli abbonati

Ci risulta che alcuni abbonati non ricevono a tempo debito, o non del tutto, la copia del nostro periodico. Ce ne scusiamo precisando che tale situazione non dipende da un nostro difetto bensì dal disservizio delle Poste.


 web partner

gli anni di carta

 Il Corriere di Tunisi

Aldo Bodrato

Enrico Peyretti

Delfino M. Rosso

 


 Numeri recenti
 :: 430 - Tu sei preghiera 
 :: 399 - Credo 
 :: 364 - preghiera 
 :: 352 - al circo di dio  
 :: 350 - natale 2007 
 :: 333 - augurio 

copyright © 2005 il foglio - ideazione e realizzazione delfino maria rosso - powered by fullxml