il foglio 
Mappa | 58 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

  menu
 ::  editoriali
 ::  bibbia
 ::  chiesa
 ::  documenti
 ::  etica
 ::  filosofia
 ::  lettere
 ::  mondo
 ::  pace-nonviolenza
 ::  poesia
 ::  politica
 ::  recensioni
 ::  scienza
 ::  società
 ::  storia
 ::  teologia
 ::  zibaldone
 :: home
 :: indici analitici
 :: solo online

 Ricerca
  

 in libreria

Enrico Peyretti

Il diritto di non uccidere

IL MARGINE


Conversazioni di

Giuseppe Barbaglio e

Aldo Bodrato

QUALE STORIA A  PARTIRE DA GESU'?

ESODO Sevitium


Aldo Bodrato

L'avventura della Parola

Affatà Editrice


Enrico Peyretti

Dialoghi con Nortberto Bobbio 

Claudiana


Enrico Peyretti

Il bene della pace. La via della nonviolenza

Cittadella


Enrico Peyretti

Elogio della gratitudine

Cittadella


  editoriali
 388

Ogni persecuzione religiosa dà più dolore e vergogna di tutte le altre persecuzioni, politiche, economiche, razziali. Infatti, colpire e uccidere te perché il tuo cuore crede e spera in modo un po' diverso da me, là dove nessuno di noi vede in modo diretto, oltre che cosa malvagia e cieca, è anche azione stolta: il tuo raggio di verità potrebbe aiutare il mio, e raddoppiare la luce, e io invece lo spengo con te. E se la religione è solo un pretesto per delitti di potere, non è minore la vergogna. Noi cristiani abbiamo da farci perdonare persecuzioni su altri credenti, compiute nella storia, non poche, non leggere. Eppure anche noi ne avevamo sofferte. Ora, ultimo triste episodio, alcuni violenti, abusando del nome dell'islam, in Nigeria, nel giorno di Natale, che è giorno di tutti, hanno ucciso in chiesa decine di cristiani. Nel dolore, e nell'offesa ad ogni umana spiritualità, è nostro primo evangelico dovere perdonare «perché non sanno quello che fanno» (Luca 23,34). Il secondo impegno è intensificare l'amicizia e la collaborazione tra le religioni, anzitutto coi nostri molti amici musulmani, coi quali ormai ci sentiamo fratelli nella ricerca di giustizia e pace. Sappiamo che essi deprecano come noi simili violenze, le quali – li assicuriamo – per noi non derivano dall'islam, ma dall'ignoranza e dallo smarrimento dei cuori, sempre possibili, sempre da guarire con la collaborazione spirituale delle nostre religioni.

 

***

Crisi, parola usatissima, ogni minuto sui media e nei discorsi, al bar come al foglio. Dobbiamo appropriarci del significato etimologico del termine «crisi»: giudizio. Un giudizio severo sul sistema capitalistico, ma anche e soprattutto su ciò che sta dietro al sistema. Giudizio severo sull'idolatria del denaro, della crescita a tutti i costi, del consumismo di massa, del più = meglio, del lo-hanno-tutti-devo-averlo-anch’-io, giudizio duro come quello dei profeti di Israele nei confronti degli idoli e dei dogmi che «ricevono quotidianamente un massiccio e pressoché plebiscitario consenso di popolo» (Langer). Crisi, giudizio, giudizio nonviolento anche nell'interno dei nostri cuori. Giudizio, perciò, che deve cominciare da noi stessi, dal nostro stile di vita, senza complessi di colpa ma anche senza l'ossessiva ricerca di alibi.

 

o

 


 
 il foglio
 ::  presentazione
 ::  redazione
 ::  abbonamento
 ::  contatti
 ::  link
 :: archivio storico [parziale]

 avviso agli abbonati

Ci risulta che alcuni abbonati non ricevono a tempo debito, o non del tutto, la copia del nostro periodico. Ce ne scusiamo precisando che tale situazione non dipende da un nostro difetto bensì dal disservizio delle Poste.


 web partner

gli anni di carta

 Il Corriere di Tunisi

Aldo Bodrato

Enrico Peyretti

Delfino M. Rosso

 


 Numeri recenti
 :: 457  
 :: 456 
 :: 455 
 :: 454 
 :: 453 
 :: 452 
 :: 451 
 :: 450 
 :: 448 
 :: 449 
 ::  
 :: 447 
 :: 446 
 :: 445 
 :: 443 
 :: 442 
 :: 441 
 :: 440 
 :: 439 
 :: 437 
 :: 438 
 :: 436  
 :: 435 - REFERENDUM COSTITUZIONALE 
 :: 435 - Referendum 
 :: 434 - REFERENDUM COSTITUZIONALE / 1 
 :: 434 - REFERENDUM COSTITUZIONALE / 2 
 :: 433 
 :: 432 
 :: 431 
 :: 430 
 :: 429 
 :: 427 
 :: 428 
 ::  
 :: 426 
 :: 425 - UN CONTRIBUTO PER L'IMMINENTE SINODO DEI VESCOVI 
 :: 425 - La lunga strada verso la democrazia 
 :: 424 
 :: 423 
 :: 422 
 :: 421 
 :: 420 
 :: 419 
 :: 418 
 :: 417 
 :: 416  
 :: 415 
 :: 414 
 :: 413 
 :: 412 
 :: 411 
 :: 410 
 :: 409 
 :: 409 
 :: 408 
 :: 407 
 :: 406 
 :: 405 
 :: 404 
 :: 403 
 :: 402 
 :: 401 
 :: 400 
 :: 399 
 :: 398 
 :: 396 
 :: 397 
 :: 395 
 :: 394 
 :: 393 
 :: 392 
 ::  
 :: 391 
 :: 390 
 :: 389 
 :: 388 
 :: 387 
 :: 386 
 :: 385 
 :: 384 
 :: 382 
 :: 383 
 :: 380 - marzo 
 :: 379 - febbraio 
 :: 378 - gennaio 2011 
 :: 374 - settembre 
 :: 375- ottobre 
 :: 376 - novembre 
 :: 370 - marzo 
 :: 371 - aprile 
 :: 373 - luglio 
 ::  
 :: 372 - maggio-giugno 
 :: 369 - febbraio 
 :: 368 - gennaio 2010 
 :: 367 - dicembre 
 :: 366 - novembre 
 ::  
 :: 365 - ottobre 
 :: 364 - agosto 
 :: 363 - giugno - luglio 
 :: 361 - aprile 
 :: 360 
 :: 359 
 :: 358 
 :: 357 
 :: 356 
 :: 355 
 :: 354 
 :: 353 
 :: 352 
 :: 351 
 :: 348 
 :: 349 
 :: 350  

copyright © 2005 il foglio - ideazione e realizzazione delfino maria rosso - powered by fullxml