il foglio 
Mappa | 38 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

  menu
 ::  editoriali
 ::  bibbia
 ::  chiesa
 ::  documenti
 ::  etica
 ::  filosofia
 ::  il foglio-lettere
 ::  mondo
 ::  pace-nonviolenza
 ::  poesia
 ::  politica
 ::  recensioni
 ::  scienza
 ::  società
 ::  storia
 ::  teologia
 ::  zibaldone
 :: home
 :: indici analitici
 :: solo online

 Ricerca
  

 in libreria

Enrico Peyretti

Il diritto di non uccidere

IL MARGINE


Conversazioni di

Giuseppe Barbaglio e

Aldo Bodrato

QUALE STORIA A  PARTIRE DA GESU'?

ESODO Sevitium


Aldo Bodrato

L'avventura della Parola

Affatà Editrice


Enrico Peyretti

Dialoghi con Nortberto Bobbio 

Claudiana


Enrico Peyretti

Il bene della pace. La via della nonviolenza

Cittadella


Enrico Peyretti

Elogio della gratitudine

Cittadella


  editoriali

 

Avvertenza

 

Sino al numero 347 (dicembre 2007) l’editoriale viene reso per intero nella pagina in questo numero.

Dal numero successivo il testo completo deve essere letto alla voce specifica editoriali riportati per numero progressivo. Poiché la pagina si apre sempre sull’ultimo aggiornamento, un editoriale deve essere ricercato facendo riferimento al numero del giornale.



 491

Solo poco più del 20% degli aventi diritto ha partecipato al voto del 12 giugno per i 5 referendum sulla giustizia. Mai si era toccata un’affluenza così bassa. Molti sono i motivi che hanno portato a questo risultato. La causa principale è sicuramente la difficoltà dei quesiti: era molto complicato anche per un esperto del ramo comprendere fino in fondo cosa sarebbe successo con una vittoria del SI. Infatti tra gli astenuti una quota importante è certamente stata quella di coloro che intendevano protestare contro questo uso distorto del referendum, trasformato in uno strumento di propaganda e visibilità, anche se si sa in partenza che non potrà raggiungere in nessun caso il quorum. Tra gli astenuti, c’è anche stato chi, volendo consapevolmente far vincere il no, sapeva che era meglio non partecipare al voto.

Un’altra causa non secondaria dell’astensione è che la richiesta è venuta da Consigli Regionali di centrodestra invece che attraverso la raccolta di cinquecentomila firme. I fautori dei referendum hanno risparmiato soldi e tempo, ma hanno anche rinunciato alla possibilità di spiegare nelle piazze agli elettori gli scopi che volevano raggiungere. Infine c’è la stanchezza per i troppi referendum che vengono richiesti a grappolo.

Questo declassamento di uno strumento di democrazia diretta è un vero peccato, ed è grave che chi propone i referendum, in particolare il partito radicale, non se ne preoccupi e continui ad usarlo in modo improprio. Sarebbe necessario invertire questa tendenza. Si potrebbe forse introdurre al posto di questo referendum abrogativo uno costitutivo, pur con tutti i problemi che pone. Temiamo però che i tempi per una simile modifica della Costituzione non siano favorevoli.

L'altro evento giuridico del mese di giugno è stata la promulgazione nella domenica di Pentecoste della riforma della Curia romana, in cui spicca la strategia della «declericalizzazione anticarrieristica» (mandati di cinque anni). Infatti qualunque fedele potrà essere a capo di un «dicastero», con la motivazione “epocale” che «la potestà di governo nella chiesa non viene dal sacramento dell'ordine, ma dalla missione canonica» (in genere conferita dal Papa o dal vescovo); sulla base del principio innovativo che il potere è slegato, disconnesso dai ministeri ordinati. Non vale solo della curia romana, ma anche di quelle diocesane: significa, se abbiamo ben capito, che anche un laico o una donna potrà ad es. essere vicario generale della diocesi.

Qual è allora la funzione specifica del sacramento dell'ordine? Soprattutto nei territori di missione viene di fatto ad essere quella di amministrare due sacramenti, l'eucarestia e la penitenza. Il missionario passa mensilmente, se non addirittura annualmente, in comunità rette da laici, laiche, suore. Ma la prossima innovazione potrebbe essere: perché non conferire, soprattutto per l'Eucarestia, il sacramento dell'ordine a questi “dirigenti”?

In tal modo si arriverebbe a ricongiungere la potestà governativa e l'ordinazione, ma in una concezione radicalmente nuova: tutti i battezzati, uomini e donne (sposati o celibi che siano), potranno accedere al governo delle chiese da ministri/e ordinati/e, ovviamente con la dovuta preparazione, competenza e adeguatezza per la delicata funzione. È così difficile da capire che l'esiguità delle vocazioni cosiddette “consacrate” è un falso problema?

 490

Ha destato scalpore che nella Via Crucis al Colosseo abbiano portato la croce Irina (ucraina) e Albina (una russa, ovviamente contraria alla guerra), amiche e colleghe: la prima infermiera, la seconda specializzanda nel medesimo reparto, non proprio allegro, di cure palliative nel campus bio-medico di Roma. Nei confronti della scelta hanno protestato russi e ucraini, ambasciatori, diplomatici ed ecclesiastici, ma il Vaticano, nonostante le numerose contestazioni, ha tirato diritto nella sua decisione per l'evento di portata mondiale molto sentito. Ricordiamo che la processione del Cristo morto per le vie dei paesi la sera del Venerdì Santo è l'unica “imposta” dal popolo ai preti, mentre le altre sono più una decisione del clero che della gente. Fra i contestatori ha brillato in particolare la chiesa greco-cattolica (gli “uniati” appunto uniti a Roma, nella babele delle chiese cristiane in Ucraina), che dimostra di non aver capito molto del Venerdì santo. Scandalosa era già stata un mese prima la presa di posizione del patriarca russo-ortodosso di Mosca Kirill, accecato da un religioso nazionalismo guerriero che distorce il vangelo portando allo sfacelo il cristianesimo.

Dal 1991 le stazioni non sono più quelle tradizionali, ma sono state ridisegnate per una miglior aderenza ai vangeli; ad es. non ci sono più le tre classiche cadute di Cristo e nemmeno la Veronica, perché tutte assenti nei racconti evangelici. Tuttavia la critica va ai testi monocordi della Via Crucis di quest'anno al Colosseo. In tutte le stazioni hanno trattato il tema della famiglia, completamente estraneo non solo alla Passione ma a tutto il vangelo ed a Gesù medesimo: le separazioni «perché così va il mondo» già nella 1ª stazione, la sterilità nella 3ª (condanna del Sinedrio), famiglie numerose e difficoltà coi figli adolescenti (4ª sul rinnegamento di Pietro), figli disabili (5ª sul giudizio-consegna di Pilato), l'adozione (6ª sulla flagellazione; per trovare un minimo di collegamento l'adozione, ripresa nella 9ª sulle donne di Gerusalemme, è stata definita una “croce”), crisi di matrimonio della figlia di due pensionati nonni (8ª sul Cireneo), malattia invalidante della moglie (7ª) e quella oncologica di un figlio (12ª) e così via. Un'imbarazzante discrasia fra le stazioni-momenti della passione e i commenti completamente estranei. Ma così si sono ribadite le posizioni più conservatrici in ambito matrimoniale, e si è evitato accuratamente qualsiasi richiamo di tipo etico-sociale-politico all'attuale situazione europea e internazionale. Le uniche, solo toccate di striscio, sono state la difficoltà di arrivare a fine mese, e il licenziamento del genero. Il tutto nella tipica ecclesialità sacrale (11ª stazione sulla famiglia con un figlio consacrato), intra-familiare ed etero-sessuale indissolubile, e per di più in un'ottica “geriatrica”, ossia dal punto di vista dei genitori, padri e nonni, non dei figli giovani.

Invece la presenza delle due donne alla Via crucis (ossia, in linea col familiare Leit-motiv della cerimonia, una famiglia ucraina e una russa, poi nell'ultima stazione una di migranti) è stata significativa per la pace evangelica: hanno portato la croce dalla XIII (la morte di Gesù nella nuova suddivisione, mentre nella vecchia era la deposizione) alla XIV (deposizione attuale): con la croce nelle loro mani, si è rinunciato al commento sulla morte per un minuto di silenzio e preghiera genericamente per la pace nel mondo, tagliando all'ultimo momento il loro testo originario decisamente più esplicito sulle distruzioni e le bombe.

Nella prima edizione del quarto vangelo [100-110 d. C.; vedi articolo di Mauro Pedrazzoli in questo stesso numero Ma chi c'era sotto la croce?, senza la presenza della madre di Cristo e il conseguente doppio affidamento col discepolo], che saltava dall'inizio dell'attuale 19,26 al 28 inoltrato sino all'«Ho sete» e oltre, si lascia intendere in modo implicito che siano appunto le donne (v. 29; diversamente da Luca in cui sono i soldati a farlo, oppure genericamente «uno di loro» negli altri due sinottici) ad alleviare l'agonia di Cristo con una bevanda forte. Anche Irina e Albina coi medicinali, prevalentemente liquidi, non solo curano medicalmente (to cure) ma si “prendono cura” (to care: bella l'assonanza inglese) dei loro pazienti oncologici. L'autore della seconda edizione del vangelo di Giovanni (circa 30-40 anni dopo) ha inserito la mamma di Gesù col reciproco affidamento, quale allegoria della madre-chiesa coi suoi figli “storicizzata” sotto il costato di Cristo, da cui sta per uscire sangue ed acqua: l'acqua allude al battesimo, ma il sangue per noi moderni non è più quello sacrificale, bensì rinvia all'identificazione del crocefisso con tutti i crocefissi della storia, tali soprattutto per le guerre, le violenze e le ingiustizie. Sono la carne di Cristo nel mondo.

È indovinato che le due donne l'abbiano fatto nel passaggio dalla XIII alla XIV stazione,  quella della deposizione che ha ispirato le numerose “Pietà” nella storia dell'arte cristiana, in cui le varie Marie sorreggono il corpo di Gesù. Allo stesso modo Irina e Albina, nel lenire le sofferenze dei loro pazienti “terminali” martoriati, li sorreggono e li prendono in braccio non solo metaforicamente ma spesso anche fisicamente nel rigirarli nel letto, e nel trasferirli sulla barella per portarli ad es. in radiologia per la TAC e la RSM.

Esse portano realmente la croce tutti i giorni; ed una vera e cruda Via Crucis l'ha vissuta il cardinale (elemosiniere che ha donato due auto-ambulanze agli ucraini) Konrad Krajewski per le vie di Borodjanka: i cadaveri abbandonati sono diventati le Stazioni della “Via dolorosa” (altro che le tensioni coi figli adolescenti!).

 489

Tutte le guerre le abbiamo sofferte, a cominciare da quella che spaventava noi bambini, anche se di lì a poco giocavamo senza pensarci più. Potevamo poi giocare, perché in noi la vita cresceva, e perché, nel nostro caso, la guerra non aveva ucciso persone vicine, non aveva colpito casa nostra e le case vicine. Ma abbiamo visto i morti uccisi, visti vivi poco prima. Abbiamo sentito piangere le vedove degli uomini usati e venduti alla morte dai governi. Abbiamo visto le armi ‒ cioè la morte ‒ nelle mani e sulle braccia degli uomini, e anche di qualche donna, come si abbraccia un amore: ma era odio, era morte da infliggere ad altri, perciò (quelli non lo sapevano) anche a se stessi. Erano i nazisti, i fascisti, ed erano i partigiani: obiettivi totalmente opposti, ingiusti gli uni, giusti gli altri, ma uguale dipendenza nel contendersi la morte: più morte a te, meno a me. Tutti prigionieri. Oggi noi sappiamo più di tutti loro. Abbiamo sapienza dolorosa.

Quel che ti accade, che vedi e vivi, lo capisci sempre dopo, sempre di più. Quella, e tutte le altre guerre, le abbiamo sofferte, ma questa, ora, più vicina nel tempo e nello spazio (ci sentiamo in colpa verso le vittime meno vicine), ci offende di più. Vedo che accade a molti.

Mi offende di più, questa guerra, anche grazie alla fragilità della vecchiaia, che è sensibilità, pelle nuda, equilibrio instabile, interiorizzazione di tutto il bene e di tutto il male. Sapienza dolorosa. E bisogna vivere tutta l'offesa e tutto il dolore, non diminuirli, non sottrarsi, non distrarsi. Come Rachele, che non vuole essere consolata, quel giorno di Erode. È l'unico modo, per noi, di essere vicini alle vittime, di cominciare a riscattarle. Solo l'estinzione totale e universale della guerra riscatta le vittime, e noi partecipi.

Prima di ciò, non vogliamo consolazione. Amici, persone vicine, cercano di distrarci: c'è anche altro, c'è da vivere. Sicuro. Ma non vogliamo sottrarci alla partecipazione. E la nostra partecipazione, dopo che la guerra è cresciuta fino a diventare totale, è nulla di meno della estinzione totale e universale della guerra.

Non c'è bisogno di ricordarci che la guerra nasce nei cuori e nelle menti: chi non lo sa? chi ne è tutto puro? Ma le menti e i cuori hanno modi loro per combattere nel loro interno, per purificarsi dalla morte. Occorre che le mani umane, le politiche, le tecniche, le economie, le mitologie delle fazioni umane, siano private dello strumento armato, e che il pensiero di odio, gli opposti pensieri di odio, si trovino disarmati, debbano solo confessare l'uno all'altro la vergogna di sezionare la vita.

Vincere l'odio, rinnegarlo, ma per prima cosa disarmarlo. Il disarmo universale non è un punto di arrivo, ma il punto di partenza della politica intelligente, onesta, coraggiosa. Forse perfino il disarmo unilaterale, per primi, osando il vero coraggio. Solo il disarmo è razionale, vitale, sicuro. La pace armata è già guerra (anche se la guerra guerreggiata è molto peggio).

È umiliante, per chi da sempre pensa le vie concrete della pace, vedere l'ignoranza colossale della politica corrente, che non sa nulla della vita, e sa tutto di come prendere un potere mortale sulla vita. La grande storia è il fallimento della storia vera, umana.

E ti chiedono, e lo scrivono sui giornaloni e sugli schermi che invadono le case, come fossero il piatto della cena sulla tavola: «ma allora come fareste? cos'è la difesa nonviolenta?». Abbiamo biblioteche di storia, abbiamo memorie di esperienze vissute da persone semplicemente umane, che hanno difeso la vita ripudiando le armi: le armi che la vita la distruggono e non la difendono. Ma nessuno dei sapientoni della politica piatta, quella del potere, ha mai letto una pagina, ascoltato un maestro, imparata una storia, ascoltato un operatore, della forza della vita, cioè della nonviolenza. Sono rimasti analfabeti ottusi, credono che sia debolezza e resa, e credono che gli eserciti salvino. Vorrei non passare agli insulti verso l'ignoranza volontaria, ma devo affermare che è ignoranza volontaria. Non si impara quel che non si cerca. La politica corrente non cerca la pace. Al massimo la contratta: quanto ci guadagno?

Vergogna e dolore di tanti, ma non tutti si vergognano. Come l'antica Rachele, noi non vogliamo consolazione. Il dolore è fecondo, come nel parto. L'umanità nascerà alla vita, che finora i potenti armati impediscono. Purché non arrivino prima loro a imporre la distruzione nucleare, che hanno preparato in enorme abbondanza. Tutti i potenti, senza differenze. Ma nel diluvio ci sarà un'arca, se la costruiamo.

La pace, la vita, o è disarmata, di ogni tipo di armi, o non c'è.

Enrico Peyretti

Pagina:  1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 Prossima
 
 il foglio
 ::  presentazione
 ::  redazione
 ::  abbonamento
 ::  contatti
 ::  link
 :: archivio storico [parziale]

 avviso agli abbonati

Ci risulta che alcuni abbonati non ricevono a tempo debito, o non del tutto, la copia del nostro periodico. Ce ne scusiamo precisando che tale situazione non dipende da un nostro difetto bensì dal disservizio delle Poste.


 web partner

gli anni di carta

 Il Corriere di Tunisi

Aldo Bodrato

Enrico Peyretti

Delfino M. Rosso

 


 Numeri recenti
 :: 489 
 :: 490 
 :: 491 
 :: 482 
 :: 483 
 :: 484 
 :: 485 
 :: 481 
 :: 479 
 :: 480 
 ::  
 :: 478 
 :: 476 
 :: 477 
 :: 475 
 :: 473 
 :: 474 
 :: 471 
 :: 472  
 :: 469 

copyright © 2005 il foglio - ideazione e realizzazione delfino maria rosso - powered by fullxml