il foglio 
Mappa | 8 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

  menu
 ::  editoriali
 ::  bibbia
 ::  chiesa
 ::  documenti
 ::  etica
 ::  filosofia
 ::  lettere
 ::  mondo
 ::  pace-nonviolenza
 ::  poesia
 ::  politica
 ::  recensioni
 ::  scienza
 ::  società
 ::  storia
 ::  teologia
 ::  zibaldone
 :: home
 :: indici analitici
 :: solo online

 Ricerca
  

 in libreria

Enrico Peyretti

Il diritto di non uccidere

IL MARGINE


Conversazioni di

Giuseppe Barbaglio e

Aldo Bodrato

QUALE STORIA A  PARTIRE DA GESU'?

ESODO Sevitium


Aldo Bodrato

L'avventura della Parola

Affatà Editrice


Enrico Peyretti

Dialoghi con Nortberto Bobbio 

Claudiana


Enrico Peyretti

Il bene della pace. La via della nonviolenza

Cittadella


Enrico Peyretti

Elogio della gratitudine

Cittadella


  politica
 440 - Lavoratori di tutto il mondo unitevi!

 

L’ultima chance della sinistra

 

Assistiamo all’ennesimo rimescolamento in quel che resta della sinistra italiana; alla nascita di ben tre nuovi soggetti e allo spostamento ancora più al centro del Pd.

Niente di nuovo, fin dall’inizio la sinistra ha avuto due anime: una massimalista e tendenzialmente non democratica e l’altra riformista e democratica, ma spesso troppo moderata e realista. Questa divisione si è spinta a volte fino all’autolesionismo, come nel 1921 quando, invece di far fronte comune contro il pericolo fascista emergente, si divideva scontrandosi duramente e indebolendosi in maniera decisiva. Oggi forse rischiamo di ripetere l’esperienza. Anche se le divisioni attuali sembrano più causate da lotte tra gruppi di potere che da uno scontro ideologico o programmatico, e anche come perversa conseguenza del sistema elettorale proporzionale in cui due o più partiti più piccoli, accentuando le differenze, riescono a occupare una spazio politico ed elettorale maggiore di un unico grande partito.

 

Un compito storico

È vero però che la sinistra è in grave difficoltà dappertutto, soprattutto nei paesi sviluppati che l’hanno vista nascere. I lavoratori dei nostri paesi infatti sentono il loro benessere messo in pericolo dalla concorrenza dei proletari dei paesi emergenti e tendono ad affidare la difesa dei loro interessi alla destra nazionalista e protezionista. Di fronte a questa realtà le sinistre balbettano tra aperture ai migranti e tentazioni protezioniste, interventi dello Stato e difesa a oltranza dei privilegi acquisiti, demagogia e riproposizione di politiche di destra, grandi ideali ricordo del passato e attuali misere lotte di potere. Ciascuno chiuso tra le mura nazionali, troppo anguste e riduttive.

E invece la storia sta offrendo loro ancora una chance per riprendere l’utopia di Marx: lavoratori di tutto il mondo unitevi. Oggi si tratta di dare un governo democratico e progressista al mondo. Questa utopia è crollata con la fine dell’Internazionale all’inizio del secolo scorso, quando i lavoratori dei vari paesi non sono riusciti a mantenere l’unità e hanno finito per scontrarsi, ciascuno in difesa della propria nazione, in due spaventose guerre mondiali. Questa terribile esperienza dovrebbe indicare ora alla sinistra la strada da seguire: l’unità di tutti i lavoratori, sia quelli dei paesi sviluppati, sia quelli che si stanno sviluppando, sia quelli ancora arretrati. La strada dell’unità è certo molto difficile, perché le condizioni attuali di vita nei vari paesi sono molto diverse e gli interessi spesso in contrasto e richiedono per alcuni sacrifici, per altri moderazione e pazienza, per altri ancora l’abbandono di vecchie tradizioni e modi di vita diventati zavorra.

Oggi però la sinistra può parlare chiaro al popolo, disponendo per convincerlo della documentazione storica che dice qual è il prezzo che l’umanità dovrà pagare se ciascuno difenderà a oltranza i propri privilegi, nel miope tentativo di scaricare la crisi su altri in una lotta di tutti contro tutti. Occorre visione, lungimiranza, intelligenza, passione, coraggio. Saprà la sinistra trovare i leader adatti e la forza necessaria? Oggi non ha scelta, se fallirà ancora una volta nel suo compito storico di unire tutti i popoli della terra, non avrà altra ragione di esistere.

Angelo Papuzza

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 il foglio
 ::  presentazione
 ::  redazione
 ::  abbonamento
 ::  contatti
 ::  link
 :: archivio storico [parziale]

 avviso agli abbonati

Ci risulta che alcuni abbonati non ricevono a tempo debito, o non del tutto, la copia del nostro periodico. Ce ne scusiamo precisando che tale situazione non dipende da un nostro difetto bensì dal disservizio delle Poste.


 web partner

gli anni di carta

 Il Corriere di Tunisi

Aldo Bodrato

Enrico Peyretti

Delfino M. Rosso

 


 Numeri recenti
 :: 446 - Cristiani e realtà politica 
 :: 444 - Politica e pericolo 
 :: 440 - Lavoratori di tutto il mondo unitevi! 
 :: 437 - Africa dimenticata / 3 
 :: 438 - Africa dimenticata / 4 
 :: 436 - Africa dimenticata / 2 
 :: 435 - Africa dimenticata 
 :: 434 - Dopo il referendum inglese 
 :: 422 - Dalla Francia segnali di dialogo / 1 
 :: 418 - Appunti sparsi di viaggio 
 :: 403 - Il capo e i suoi «ragazzi» 
 :: 402 - Crisi del racconto storico e maschere del potere 
 :: 398 - È possibile un’economia democratica? 
 :: 393 - Per un nuovo internazionalismo 
 :: 393 - Nell’era del governo Monti 
 :: 392 - La tragedia del comunismo / 3 
 :: 391 - AUTONOMIA DALLA POLITICA E PRIVILEGI DI CASTA 
 :: 390 - Un seminario di studio sulla «crisi sistemica» al Sereno Regis 
 :: 387 - DOVE VA L'ECONOMIA 
 :: 382 - Uno sguardo sulla globalizzazione / 1 
 :: 381 - Non giustifico la guerra 
 :: 381 - Libia, cuore del Mediterraneo 
 :: 380 - Ben Ali e Mubarak cacciati dalle proteste in piazza 
 :: 377 - Dopo le elezioni di midterm negli Usa 
 :: 370 - Sulle elezioni 
 :: 372 - ECONOMIA E POLITICA 
 :: 369 - NON ILLUDIAMOCI CON FINI 
 :: 367 - Il Pd e la ricerca di un’identità di sinistra 
 :: 366 - CALABRESI E L’ALTRA VOCE SUL TERRORISMO 
 :: 364 - POLITICA ECONOMICA 
 :: 362 - REFERENDUM GUZZETTA SUL SISTEMA ELETTORALE 
 :: 362 -IL SIGNOR B. E LA DEMOCRAZIA DELL’APPLAUSO 
 :: 361 - TRE POTENTI ILLUSIONI 
 :: 354 - PERSONALIZZAZIONE DEL POTERE E SCREDITAMENTO DELLA LEGGE 
 :: 353 - SINISTRE EUROPEE 
 :: 348 - BREVE STORIA DEI SISTEMI ELETTORALI IN ITALIA 
 :: 343 -I N MARGINE ALLA VITTORIA DI SARKOZY 
 :: 336 - GLI ELETTORI DI PRODI  
 :: 335 - COSA C’È, COSA MANCA 
 :: 334 - ESTATE POLITICA: AFGHANISTAN E LIBANO 

copyright © 2005 il foglio - ideazione e realizzazione delfino maria rosso - powered by fullxml