il foglio 
Mappa | 5 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

  menu
 ::  editoriali
 ::  bibbia
 ::  chiesa
 ::  documenti
 ::  etica
 ::  filosofia
 ::  lettere
 ::  mondo
 ::  pace-nonviolenza
 ::  poesia
 ::  politica
 ::  recensioni
 ::  scienza
 ::  società
 ::  storia
 ::  teologia
 ::  zibaldone
 :: home
 :: indici analitici
 :: solo online

 Ricerca
  

 in libreria

Enrico Peyretti

Il diritto di non uccidere

IL MARGINE


Conversazioni di

Giuseppe Barbaglio e

Aldo Bodrato

QUALE STORIA A  PARTIRE DA GESU'?

ESODO Sevitium


Aldo Bodrato

L'avventura della Parola

Affatà Editrice


Enrico Peyretti

Dialoghi con Nortberto Bobbio 

Claudiana


Enrico Peyretti

Il bene della pace. La via della nonviolenza

Cittadella


Enrico Peyretti

Elogio della gratitudine

Cittadella


  chiesa
 375 - VALDESI E BENEDIZIONE DI COPPIE GAY

 

Il diritto dell'altro

 

Abbiamo chiesto al pastore valdese Alessandro Esposito di commentare la recente presa di posizione del Sinodo valdese sulla benedizione delle coppie omosessuali.

 

È ormai risaputo, anche a causa della (breve ma significativa) risonanza che la notizia ha avuto sui mezzi di comunicazione, che nella chiesa valdese di Trapani e Marsala, presso cui svolgo il ministero pastorale, è stata celebrata, il 4 aprile, la prima benedizione in ambito protestante italiano di una coppia omoaffettiva. A seguito di tale benedizione, il Sinodo delle chiese valdesi e metodiste ha poi votato un atto in cui «chiede (...) alle chiese che, ove sorelle e fratelli membri della nostra Chiesa o appartenenti ad una Chiesa evangelica richiedano la benedizione di una unione omosessuale, si proceda nel cammino di condivisione e testimonianza e, laddove la chiesa locale abbia raggiunto un consenso maturo e rispettoso delle diverse posizioni, essa si senta libera di prendere le decisioni conseguenti, rimanendo in costruttivo contatto con gli appositi organismi». Le motivazioni addotte a sostegno di tale orientamento, sono riportate, poco prima, nel testo del medesimo atto, nel quale si afferma che «le parole e la prassi di Gesù, così come esse ci sono testimoniate negli Evangeli, non possono che chiamarci all'accoglienza di ogni esperienza e di ogni scelta improntate all'amore quale dono di Dio, liberamente e consapevolmente vissuto e scelto». Si tratta, chiaramente, di una svolta significativa, che costituisce l'esito concreto e conseguente del cammino pluridecennale che le chiese valdesi e metodiste hanno compiuto in merito all'accoglienza delle persone omosessuali e del loro amore.

Ciò detto, sono balzate agli onori della cronaca anche alcune voci dissenzienti che, legittimamente, hanno inteso esprimere (con toni non sempre pacati) le loro riserve e perplessità in ordine a tale decisione sinodale. Per quanto mi riguarda, ribadisco di voler cooperare alla formazione di una chiesa disposta a lasciarsi interpellare dagli interrogativi e dalle provocazioni che, inevitabilmente, le provengono dall'eterogeneità di quella realtà umana di cui anch'essa, fino a prova contraria, è parte. Taluni, invece, mi pare che intendono ignorare la complessa contraddittorietà dell'esperienza rifugiandosi entro il perimetro sicuro, ma angusto, delle codificazioni dogmatiche e normative della fede: per quanto non sia possibile prescinderne, mi pare comunque opportuno conferire a tali aspetti la valenza limitata che compete loro. La fede, infatti, è realtà cangiante e multiforme che Dio ci chiama a ridefinire nell'arco di un cammino costellato di incontri, scoperte, ripensamenti: non, dunque, il luogo di una sterile ripetizione di quanto consolidatosi nel progressivo e ambivalente costituirsi della tradizione ecclesiastica, bensì lo spazio entro cui operare una reinterpretazione costante, che può aver luogo, soltanto, mediante il confronto creativo con quella stessa tradizione che, seppur degna di rispetto, non andrebbe mai ossequiata.

Quello delle coppie gay e lesbiche a vivere in pienezza e libertà il loro amore è un diritto, non una gentile concessione delle chiese. Di più: nella prospettiva dell'evangelo l'accoglienza senza riserve di questo modo di declinare l'amore dovrebbe apparire come la conseguenza diretta dell'appello che Dio rivolge alla nostra incapacità di ampliare orizzonti e sensibilità, specie nella direzione di quanti vengono ingiustamente ed ingiustificatamente discriminati.

Pertanto, lo ribadisco: quello delle coppie omoaffettive di poter richiedere sulla loro unione la benedizione di Dio nell'ambito di un culto comunitario è un diritto incontestabile. Sono peraltro convinto che l'impegno per il riconoscimento di tale diritto mi chiami in causa in prima persona, perché non sono omosessuale. Una rivendicazione infatti, ha ancor più valore quando esorta a lottare per il diritto di un altro, per la sola ragione che si tratta di una battaglia giusta: che come tale, pertanto, riguarda tutti e ciascuno.

Alessandro Esposito

(www.chiesavaldesetrapani.com)

 

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 il foglio
 ::  presentazione
 ::  redazione
 ::  abbonamento
 ::  contatti
 ::  link
 :: archivio storico [parziale]

 avviso agli abbonati

Ci risulta che alcuni abbonati non ricevono a tempo debito, o non del tutto, la copia del nostro periodico. Ce ne scusiamo precisando che tale situazione non dipende da un nostro difetto bensì dal disservizio delle Poste.


 web partner

gli anni di carta

 Il Corriere di Tunisi

Aldo Bodrato

Enrico Peyretti

Delfino M. Rosso

 


 Numeri recenti
 :: 463 - Il quindicinale Adesso: 1951-1953 
 :: 462 - Con la lanterna di Diogene 
 :: 458 - Il quindicinale «adesso»: 1949 e 1950 
 :: 456 - P.G. Ferrero, parroco / 2 
 :: 455 - Pier Giorgio Ferrero, parroco / 1 
 :: 454 - Dopo la morte di alcuni preti operai 
 :: 454 - In margine alla viganeide 
 :: 452 - Gaudete et exsultate 
 :: 448 - Incontro a Roma della rete “Chiesa di tutti chiesa dei poveri” 
 :: 447 - Appunti ecclesiali 
 :: 446 - Don Milani ci scrive / 2 
 :: 445 - Don Milani ci scrive / 1 
 :: 445 - Assisi, 24-27 agosto 2017 
 :: 444 - Uno sguardo sulla religiosità ortodossa romena / 1 
 :: 443 - La fine del sovrannaturalismo 
 :: 441 - Paolo Ricca sui 500 anni dalla Riforma 
 :: 439 - La chiesa ai tempi di Francesco 
 :: 436 - Convegno a Bose sul vescovo di Torino 
 :: 428 - Dialogo con l'islàm / 7 
 :: 427 - VATILEAKS 2: VITA DA PRELATI 
 :: 424 - Un'enciclica che il potere vorrebbe far dimenticare 
 :: 417 - Nuovi modelli di parrocchia 
 :: 413 - Un tema conciliare dimenticato, tornato centrale 
 :: 412 - Donne e chiesa 
 :: 408 - Parola del vescovo di Roma 
 :: 408 - INADEGUATEZZE E AMBIGUITÀ DEL QUESTIONARIO 
 :: 406 - MARTINI GESUITA, BIBLISTA, VESCOVO 
 :: 405 - In Vaticano s'è accesa una luce 
 :: 401 - Presiedere nella carità 
 :: 400 - La rinuncia di Benedetto XVI 
 :: 398 - LE APPARIZIONI DI AQUERÓ A LOURDES 
 :: 396 - A 50 ANNI DALL’APERTURA DEL CONCILIO / 2 
 :: 396 - QUATTRO «RIBELLI PER AMORE DELLA VERITÀ» 
 :: 397 - La lettera del vescovo Nosiglia ai Rom e ai Sinti 
 :: 395 - IN MEMORIA DI PADRE CARLO MARIA MARTINI 
 :: 395 
 :: 392 - Che cosa sta cambiando nel cattolicesimo in Italia 
 :: 389 - ETTORE DE GIORGIS A 20 ANNI DALLA SCOMPARSA / 2 
 :: 388 - Ettore De Giorgis a 20 anni dalla scomparsa / 1 
 :: 387 - Ospitalità eucaristica 
 :: 386 - Memoria 
 :: 385 - Mons. Nosiglia alla Chiesa di Torino 
 :: 383 - Dal film di Moretti alla beatificazione di Wojtyla 
 :: 380 - Una lettera sincera e franca a Cesare Nosiglia, vescovo di Torino [versione integrale] 
 :: 379 - il foglio - FEBBRAIO 1971 – 2011 - Enrico Peyretti 
 :: 379 - il foglio - FEBBRAIO 1971 – 2011 - Aldo Bodrato 
 :: 377 - Sulla nomina dei vescovi 
 :: 375 - VALDESI E BENEDIZIONE DI COPPIE GAY 
 :: 370 - Sul convegno ecclesiale Firenze 2 
 :: 371 - Scandalo della pedofilia e vita delle chiese locali 
 :: 371 - Lettere 
 :: 372 - SINDONE, PRO E CONTRO 
 :: 369 - I GIOVANI E LA FEDE 
 :: 367 - A 50 anni dalla morte di don Primo Mazzolari 
 :: 367 - RESISTERE, PREGANDO E OPERANDO PER LA GIUSTIZIA 
 :: 362 - In ginocchio, in piedi, in cattedra 
 :: 359 - LA COMUNITÀ DEL VANDALINO 
 :: 356 - STRUTTURA COSTANTINIANA E VOCE DEL VANGELO 
 :: 355 - Riflessioni in vista del convegno dell’8 novembre 
 :: 353 - LA VENDETTA DI MONSIGNORE 
 :: 351 - Il ritorno di Monsignore 
 :: 344 - I parenti di Gesù / 2 
 :: 348 - INTERVENTO 
 :: 347 - IL MOTU PROPRIO DEL PAPA 
 :: 345 - COMUNICAZIONE E CRISTIANESIMO 
 :: 344 - DI CHI È LA CHIESA? 
 :: 343 - «UN PAOLO SARPI CONTEMPORANEO», SECONDO RUINI 
 :: 343 - I PARENTI DI GESÙ / 1 
 :: 338 - RADICI 
 :: 337 - CINQUE BREVI ARTICOLI SUL CREDERE/1 
 :: 336 - L’ARCIVESCOVO MICHELE PELLEGRINO, TRA OBLIO E RIMOZIONE 
 :: 334 - CHIESA PROFETICA O CHIESA DEL CULTO? 
 :: 328 - AGIOGRAFIA AL FEMMINILE 

copyright © 2005 il foglio - ideazione e realizzazione delfino maria rosso - powered by fullxml