il foglio 
Mappa | 90 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

  menu
 ::  editoriali
 ::  bibbia
 ::  chiesa
 ::  documenti
 ::  etica
 ::  filosofia
 ::  lettere
 ::  mondo
 ::  pace-nonviolenza
 ::  poesia
 ::  politica
 ::  recensioni
 ::  scienza
 ::  società
 ::  storia
 ::  teologia
 ::  zibaldone
 :: home
 :: indici analitici
 :: solo online

 Ricerca
  

 in libreria

Enrico Peyretti

Il diritto di non uccidere

IL MARGINE


Conversazioni di

Giuseppe Barbaglio e

Aldo Bodrato

QUALE STORIA A  PARTIRE DA GESU'?

ESODO Sevitium


Aldo Bodrato

L'avventura della Parola

Affatà Editrice


Enrico Peyretti

Dialoghi con Nortberto Bobbio 

Claudiana


Enrico Peyretti

Il bene della pace. La via della nonviolenza

Cittadella


Enrico Peyretti

Elogio della gratitudine

Cittadella


  società
 418 - MINIMA EROTICA

 

FAR SOFFRIRE IL MENO POSSIBILE

 

Fiumi di parole, dette e scritte. Appelli, puntualizzazioni. Interpretazioni dei giornali. Il sinodo dei vescovi sulla famiglia si è concluso senza decisioni clamorose.

Come è noto, le questioni più dibattute riguardavano l’accoglienza nei confronti degli omosessuali e dei divorziati risposati. La dottrina tradizionale non poteva essere cancellata. La chiesa cattolica del 2014 non può rifiutare in toto quanto, nei decenni e secoli passati, veniva proclamato come Verità. Ma senz’altro si è notata meno rigidità e una decisa messa in guardia contro la volontà di escludere e di condannare.

Ma se invece si dovesse mettere al primo posto un appello a tutti per evitare, o almeno contenere il peso del dolore causato dalla difficoltà di varie situazioni, l’orizzonte si dovrebbe ampliare. Non esiste uno mezzo che “misuri” il dolore. Quindi sarebbe scorretto fornire una casistica precisa. Anzi chi legge cerchi di immaginare, ogni poche parole, un «forse», «non è da escludere», «per ipotesi».

Inoltre non si dovrebbe solo trattare di coniugi che si separano, ma anche di ragazzi e ragazze molto giovani. Due si lasciano (a 15 anni, a 20, a 50…). Ma tutti e due erano intenzionati a interrompere il loro rapporto? E se uno/a continua ad amare l’altra/o? Chi viene “piantato”, “scaricato”, è esposto a immani sofferenze. E chi non è più innamorato può anche «tollerare» di continuare un certo rapporto, tenendo per così dire il coltello dalla parte del manico e trattando l’altro/a come un burattino, magari inconsapevolmente.

E per quanto riguarda la separazione e il divorzio tra coniugi, nel caso di una decisione consensuale, ne può derivare una diminuzione di sofferenza. Quindi l’atto sarebbe augurabile, anche da parte di credenti. Ma quando solo in uno dei coniugi l’amore si è spento? L’altro/a non può che soffrire? O chi vorrebbe divorziare è condannato (per amore?) a convivere per forza, e a non risposarsi, rischiando di rendere la vita un inferno per tutti, figli compresi? La risposta non è sicura. È anche possibile una mobilitazione della volontà da parte dell’uno/a e dell’altra/o al fine di soffrire il meno possibile. E non è diversa la situazione del rapporto tra omosessuali. Invece di disquisire sulla liceità del rapporto, occorre considerare il caso (almeno comune quanto tra eterosessuali) in cui in uno/a l’amore si spegne, mentre l’altro/a è ancora innamorato/a.

Ma, comunque si consideri la questione, forse un solo comandamento va osservato: «Ama il prossimo», da lì dipende «tutta la Legge e i Profeti» (Matteo 22,40). Cioè da lì dipendono tutte le questioni sul divorzio, sulla liceità della cosiddetta convivenza, sulla eguale dignità tra omosessuali ed eterosessuali. Ma, alla luce di quanto detto, dovremmo davvero condannare ogni comportamento in cui non si rispetti la dignità altrui, anzi la si calpesti, con l’inganno, col disprezzo, con l’irrisione, con un’inescusabile leggerezza. «Guai a giocare coi sentimenti!». È una delle forme peggiori di odio. È un vero omicidio. È comune a ogni età. Ma spesso questo crimine viene passato sotto silenzio o tollerato con un sorriso, anche da coloro sempre pronti a giudicare e condannare.

Dario Oitana

 

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 il foglio
 ::  presentazione
 ::  redazione
 ::  abbonamento
 ::  contatti
 ::  link
 :: archivio storico [parziale]

 avviso agli abbonati

Ci risulta che alcuni abbonati non ricevono a tempo debito, o non del tutto, la copia del nostro periodico. Ce ne scusiamo precisando che tale situazione non dipende da un nostro difetto bensì dal disservizio delle Poste.


 web partner

gli anni di carta

 Il Corriere di Tunisi

Aldo Bodrato

Enrico Peyretti

Delfino M. Rosso

 


 Numeri recenti
 :: 456 - Percezione e istruzioni per l’uso 
 :: 453 - Memorie di viaggio 
 :: 448 - Da una storia vera 
 :: 446 - Dagli occhi ai piedi 
 :: 444 - Un elaborato di una giovane studentessa 
 :: 442 - Intervista a Livio Pepino 
 :: 442 - IL SECOLO FEMMINILE 
 :: 432 - Giornalismo di ieri 
 :: 431 - I “valori” di una volta 
 :: 429 - L’Isis, il diritto di difendersi, il ruolo della donna 
 :: 429 - INTERVENTI 
 :: 428 - Una suggestione dall’ultimo libro di Rampini 
 :: 422 - Pillole di comunicazione 
 :: 418 - MINIMA EROTICA 
 :: 418 - MINIMA EROTICA 
 :: 416 - Noterella 
 :: 415 - A un anno dalla sentenza Eternit a Casale Monferrato / 2 
 :: 414 - Sul rapporto tra cultura e televisione 
 :: 414 - A un anno dalla sentenza Eternit a Casale Monferrato / 1 
 :: 406 - Tra accuse razziste e difese ideologiche 
 :: 402 - La sessualità dei disabili 
 :: 398 - Abbasso il nonnismo, viva la nonnità 
 :: 397 - Le risposte di quaranta amici 
 :: 394 - Pillole di comunicazione / 13 
 :: 391 - Per un ripensamento dell’idea di cittadinanza 
 :: 390 - Pillole di comunicazione / 11 
 :: 388 - Gli economisti non bastano 
 :: 387 - VIETATO AI MINORI 
 :: 386 - LA CRISI DEGLI ASINI 
 :: 386 - Pillole di comunicazione / 10  
 :: 384 - 11 settembre 2001-2011 
 :: 383 - Intervista a una giovane giornalista tunisina 
 :: 377 - Alcune modeste osservazioni 
 :: 374 - QUANDO L’INSUCCESSO NON FA SPETTACOLO 
 :: 375 - Cultura religiosa e scuola 
 :: 376 - Appunti di un viaggio in Tunisia 
 :: 371 - Per una società senza più svantaggiati 
 :: 371 - SI PUÒ AMARE CHI NON È «SIMPATICO»? 
 :: 369 - CRITICA ALLA SOCIETÀ DEI CONSUMI 
 :: 368 - FAO 
 :: 366 - COME ERAVAMO, COME SIAMO 
 :: 365 - EMOZIONI E PROGRAMMI IN POLITICA 
 :: 364 - XENOFOBI SU FACEBOOK, E NON SOLO 
 :: 363 - LIBERTÀ & SOCIALITÀ 
 :: 360 - Criminalità a Torino negli anni ’60-70 
 :: 360 - IL «MERCATO» INGOZZATO DELL’AUTO 
 :: 349 - IL RIFIUTO E IL SOGNO 
 :: 357 - IL CASO ELUANA 
 :: 338 - APPUNTI DI VIAGGIO 
 :: 353 - IO PREMETTO CHE SONO RAZZISTA, GLI ALTRI... 
 :: 352 - LETTURA, QUESTA SCONOSCIUTA 
 :: 350 - Fiera del libro 2008 
 :: 349 - EMERGENZA RIFIUTI DA NAPOLI AL MONDO 
 :: 347 - SESSO UMANO 
 :: 344 - LO SPOT DELLA NUOVA FIAT 
 :: 341 - SEDICENNE SUICIDA 
 :: 341 - HITLERKINDER 
 :: 337 - SOPRUSI SUI PIÙ DEBOLI 
 :: 337 - IL CONSUMO NON È UN MALE 

copyright © 2005 il foglio - ideazione e realizzazione delfino maria rosso - powered by fullxml