il foglio 
Mappa | 7 utenti on line


 Login
   
    
 Ricordati di me

  menu
 ::  editoriali
 ::  bibbia
 ::  chiesa
 ::  documenti
 ::  etica
 ::  filosofia
 ::  lettere
 ::  mondo
 ::  pace-nonviolenza
 ::  poesia
 ::  politica
 ::  recensioni
 ::  scienza
 ::  società
 ::  storia
 ::  teologia
 ::  zibaldone
 :: home
 :: indici analitici
 :: solo online

 Ricerca
  

 in libreria

Enrico Peyretti

Il diritto di non uccidere

IL MARGINE


Conversazioni di

Giuseppe Barbaglio e

Aldo Bodrato

QUALE STORIA A  PARTIRE DA GESU'?

ESODO Sevitium


Aldo Bodrato

L'avventura della Parola

Affatà Editrice


Enrico Peyretti

Dialoghi con Nortberto Bobbio 

Claudiana


Enrico Peyretti

Il bene della pace. La via della nonviolenza

Cittadella


Enrico Peyretti

Elogio della gratitudine

Cittadella


  società
 418 - MINIMA EROTICA

 

Pubblica carezza

 

«Tutti i libri del mondo non valgono una carezza», nel film Centochiodi, di Ermanno Olmi. Non so se carezza viene dall'aggettivo italiano “caro” oppure dal sostantivo spagnolo “cara”, volto, viso, faccia.

Non importa. La carezza è toccare-sfiorare il volto. È l'opposto dello schiaffo, come il dare la mano è presentare la mano nuda, aperta, disarmata dalla spada. La carezza è linguaggio desiderato e compreso dal bambino piccolissimo, subito dopo l'aria e il latte, tanto quanto dal vecchio al tramonto. E chi di noi non è sempre un bambino appena comparso al mondo? e chi non è sempre davanti al proprio tramonto?

La più famosa carezza pubblica è quella che papa Giovanni affidò alla folla, la sera dell'11 ottobre 1962, facendone uno dei primi atti di quel Concilio, una liturgia cosmico-domestica, un abbraccio tra le generazioni: «Quando tornate a casa, fate una carezza ai vostri bambini e dite loro: questa è la carezza del papa». Sentiamo ancora il tono della sua voce.

Sì, la carezza può essere anche seduzione, inganno e cattura, come il bacio di Giuda riteniamo che sia stato soltanto un segnale per consegnare la vittima ai carnefici. Ma certo non è sempre questo, la carezza. E non riguarda solo il volto. Tutta la nostra pelle è il confine della nostra solitudine. Un'altra pelle che venga, senza ostacoli e distanze, a condividerne il calore e l'attesa, è benedizione. Perché mai ragione e religione, almeno qui tra noi, hanno disprezzato, sospettato, e circondato di filo spinato morale, il fremere della pelle? Perché non hanno capito che anche la pelle, come l'anima, indica che la nostra vita consiste nel cercare, attendere, accogliere, cioè nell'essere re-ligiosa, che vuol dire collegante, tesa ad incontrare altro, oltre, un più vivente? Il profeta David e il mahatma Gandhi, nell'avanzata vecchiaia, lo capirono e lo dissero. La pelle riscaldata e carezzata da un'altra pelle, riscalda il cuore; si salva dal disseccare come terra arida, e dal diventare, senza volerlo, una muraglia chiusa invece di un confine comunicante. Nessuna pelle, il nostro abito più umile e sincero, dovrebbe restare sola, ma potersi aprire come il volto.

Non parliamo solo del sesso genitale, e tanto meno della volontà di possesso che assoggetta per rapire piacere. Tutto al contrario. Diciamo che la carezza, l'abbraccio, la vicinanza, nel totale rispetto dell'alterità libera, sono grazia alla nostra solitudine fisica e interiore, sono sacramento-promessa di quella vicinanza universale a cui confido che ci condurrà il consegnarci e il lasciarci toccare dal mistero aperto della morte, massimo emblema di ogni alterità che viene a noi.

e. p.

 Stampa Invia ad un amico Dai la tua opinione

 
 il foglio
 ::  presentazione
 ::  redazione
 ::  abbonamento
 ::  contatti
 ::  link
 :: archivio storico [parziale]

 avviso agli abbonati

Ci risulta che alcuni abbonati non ricevono a tempo debito, o non del tutto, la copia del nostro periodico. Ce ne scusiamo precisando che tale situazione non dipende da un nostro difetto bensì dal disservizio delle Poste.


 web partner

gli anni di carta

 Il Corriere di Tunisi

Aldo Bodrato

Enrico Peyretti

Delfino M. Rosso

 


 Numeri recenti
 :: 456 - Percezione e istruzioni per l’uso 
 :: 453 - Memorie di viaggio 
 :: 448 - Da una storia vera 
 :: 446 - Dagli occhi ai piedi 
 :: 444 - Un elaborato di una giovane studentessa 
 :: 442 - Intervista a Livio Pepino 
 :: 442 - IL SECOLO FEMMINILE 
 :: 432 - Giornalismo di ieri 
 :: 431 - I “valori” di una volta 
 :: 429 - L’Isis, il diritto di difendersi, il ruolo della donna 
 :: 429 - INTERVENTI 
 :: 428 - Una suggestione dall’ultimo libro di Rampini 
 :: 422 - Pillole di comunicazione 
 :: 418 - MINIMA EROTICA 
 :: 418 - MINIMA EROTICA 
 :: 416 - Noterella 
 :: 415 - A un anno dalla sentenza Eternit a Casale Monferrato / 2 
 :: 414 - Sul rapporto tra cultura e televisione 
 :: 414 - A un anno dalla sentenza Eternit a Casale Monferrato / 1 
 :: 406 - Tra accuse razziste e difese ideologiche 
 :: 402 - La sessualità dei disabili 
 :: 398 - Abbasso il nonnismo, viva la nonnità 
 :: 397 - Le risposte di quaranta amici 
 :: 394 - Pillole di comunicazione / 13 
 :: 391 - Per un ripensamento dell’idea di cittadinanza 
 :: 390 - Pillole di comunicazione / 11 
 :: 388 - Gli economisti non bastano 
 :: 387 - VIETATO AI MINORI 
 :: 386 - LA CRISI DEGLI ASINI 
 :: 386 - Pillole di comunicazione / 10  
 :: 384 - 11 settembre 2001-2011 
 :: 383 - Intervista a una giovane giornalista tunisina 
 :: 377 - Alcune modeste osservazioni 
 :: 374 - QUANDO L’INSUCCESSO NON FA SPETTACOLO 
 :: 375 - Cultura religiosa e scuola 
 :: 376 - Appunti di un viaggio in Tunisia 
 :: 371 - Per una società senza più svantaggiati 
 :: 371 - SI PUÒ AMARE CHI NON È «SIMPATICO»? 
 :: 369 - CRITICA ALLA SOCIETÀ DEI CONSUMI 
 :: 368 - FAO 
 :: 366 - COME ERAVAMO, COME SIAMO 
 :: 365 - EMOZIONI E PROGRAMMI IN POLITICA 
 :: 364 - XENOFOBI SU FACEBOOK, E NON SOLO 
 :: 363 - LIBERTÀ & SOCIALITÀ 
 :: 360 - Criminalità a Torino negli anni ’60-70 
 :: 360 - IL «MERCATO» INGOZZATO DELL’AUTO 
 :: 349 - IL RIFIUTO E IL SOGNO 
 :: 357 - IL CASO ELUANA 
 :: 338 - APPUNTI DI VIAGGIO 
 :: 353 - IO PREMETTO CHE SONO RAZZISTA, GLI ALTRI... 
 :: 352 - LETTURA, QUESTA SCONOSCIUTA 
 :: 350 - Fiera del libro 2008 
 :: 349 - EMERGENZA RIFIUTI DA NAPOLI AL MONDO 
 :: 347 - SESSO UMANO 
 :: 344 - LO SPOT DELLA NUOVA FIAT 
 :: 341 - SEDICENNE SUICIDA 
 :: 341 - HITLERKINDER 
 :: 337 - SOPRUSI SUI PIÙ DEBOLI 
 :: 337 - IL CONSUMO NON È UN MALE 

copyright © 2005 il foglio - ideazione e realizzazione delfino maria rosso - powered by fullxml